Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Renzi e Orfini durissimi su Mafia Capitale: i corrotti via dalla vita politica, in galera. Marino e Zingaretti baluardo legalità

Durissimi, sulla questione di Mafia Capitale, il presidente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

renzi orfiniDurissimi, sulla questione di Mafia Capitale, il presidente del Consiglio, Matteo Renzi e il commissario del Pd Roma, Matteo Orfini.

Il primo ad usare parole nette è stato il premier Renzi. “Un Paese solido è quello che combatte la corruzione con grande decisione e grande forza, mandando chi ruba in galera. Naturalmente nel rispetto della presunzione di innocenza. Ma quando arriva la sentenza definitiva è giusto che chi ha violato le regole paghi fino all’ultimo giorno e all’ultimo centesimo”.

Poi sono arrivate le dichiarazioni di Orfini. “Chi ha ceduto deve pagare il suo debito con la giustizia. Chi ha pagato, o si è fatto corrompere, deve sparire dalla vita politica e noi lavoreremo per questo. Marino? Nelle interccettazioni si sentono gli esponenti di Mafia Capitale che chiedono di far cadere la giunta Marino considerata un ostacolo. Il Pd, l’amministrazione Marino e quella di Zingaretti sono la soluzione al amle di questa città. Marino e Zingaretti sono stati un baluardo della legalità e quello che sta emergendo è dovuto anche alle loro denunce”.

“Ritengo- ha detto ancora Orfini- che non ci siano le condizioni per lo scioglimento del Comune di Roma, farlo sarebbe andare incontro alle richieste della criminalità organizzata. Se il nostro obiettivo è quello di contrastare la criminalità la cosa peggiore sarebbe quella di interrompere l’attività dell’amministrazione. Marino non deve dimettersi ma andare avanti e continuare sulla linea di questi anni, come sta facendo anche Nicola Zingaretti. Noi dobbiamo ringraziare Marino e devono farlo tutti i cittadini che hanno a cuore la legalità. Se il nostro obiettivo è quello di contrastare la criminalità la cosa peggiore sarebbe quella di interrompere l’attività dell’amministrazione. Marino non deve dimettersi ma andare avanti e continuare sulla linea di questi anni, come sta facendo anche Nicola Zingaretti. Noi dobbiamo ringraziare Marino e devono farlo tutti i cittadini che hanno a cuore la legalità”.

Ed infine: “Il Pd- ha conlcuso il commissario romano- è il partito dell’antimafia capitale perché è l’unico partito che sta agendo. Se qualcuno nel Pd ha ceduto a tentativi corruzione è chiaro che deve pagare, ma quello che conta sono gli atti amministrativi e politici, che sono di contrasto alla criminalità. Noi siamo quelli che stanno costruendo una risposta politica e amministrativa alla criminalità organizzata, e quello che sta emergendo dalla Procura ne è la conferma”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»