‘Genius’, la serie su Aretha Franklin arriva su Disney+

aretha
In Italia, disponibile da venerdì 4 giugno, l'acclamata serie di National Geographic
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  ‘Respect’, ‘Think’, ‘A Natural Woman’ e ‘Rock Steady’. Quattro brani, un’unica voce struggente e potente: quella di Aretha Franklin. La regina della musica soul rivive nell’attesissima e pluripremiata serie antologica ‘Genius: Aretha’, il primo e unico progetto televisivo autorizzato sulla vita dell’universalmente acclamata artista. ‘Genius’ – in Italia da venerdì 4 giugno sulla piattaforma streaming – è l’acclamata serie di National Geographic che porta sullo schermo le affascinanti storie dei più brillanti innovatori del mondo, i loro straordinari successi con le loro volubili, appassionate e complesse relazioni personali.

Dopo Albert Einstein e Pablo Picasso, questa terza stagione esplora il genio musicale e l’incomparabile carriera di Aretha Franklin, così come l’enorme influenza che ha avuto sulla musica e sulla cultura di tutto il mondo. Aretha Franklin è stata un prodigio del gospel, una schietta sostenitrice dei diritti civili ed è considerata la più grande cantante degli ultimi 50 anni, con innumerevoli premi ricevuti durante la sua carriera. Senza saper leggere la musica, Aretha Franklin impara da sola a suonare il pianoforte; alla giovane età di 12 anni, inizia a registrare canzoni e a cantare nei tour gospel con suo padre. A 18 anni firma il suo primo contratto discografico con la Columbia Records. Nel 1966, si sposta all’Atlantic Records, dove registra molte delle sue canzoni più iconiche.

Nel 1979, inizia un’amicizia e una collaborazione di 40 anni con Clive Davis, che produce una serie di canzoni di successo, tra cui l’hit più venduta della sua carriera, ‘I Knew You Were Waiting (For Me)’, in duetto con George Michael. Con più di 75 milioni di dischi venduti nel corso della sua carriera, la leggendaria cantante è uno degli artisti musicali più apprezzati di tutti i tempi. La sua voce è stata riconosciuta come una ‘risorsa naturale’ dal suo stato natale, il Michigan.

IL CAST DELLA SERIE SU ARETHA FRANKLIN

Il cast comprende la vincitrice dei Tony, Emmy e Grammy Award Cynthia Erivo nel ruolo di Aretha Franklin, che esegue molte delle canzoni del ricco catalogo della cantante; il vincitore di un Emmy Courtney B Vance (‘American Crime Story’) nel ruolo del padre di Aretha, CL Franklin; Malcolm Barrett (‘Timeless: The Movie’, ‘Preacher’) in quello di Ted White, primo marito e manager di Aretha Franklin. David Cross (‘Mr. Show’, ‘Arrested Development – Ti presento i miei’) è il leggendario produttore musicale Jerry Wexler, che guida la cantante nella sua crescita professionale; Patrice Covington (‘Il colore viola’, ‘Ain’t Misbehavin’) e Rebecca Naomi Jones (‘Oklahoma!’, ‘The Big Sick – Il matrimonio si puo’ evitare… l’amore no’) interpretano rispettivamente Erma e Carolyn Franklin, le sorelle di Aretha e coriste abituali; Steven Norfleet (‘Watchmen’, ‘Dynasty’) veste i panni del fratello maggiore Cecil Franklin, manager di Aretha dopo il divorzio da Ted White; Pauletta Washington (‘Beloved’, ‘She’s Gotta Have It’) è Rachel, l’amorevole nonna paterna che ha cresciuto Aretha; Omar J. Dorsey (‘Queen Sugar’) è James Cleveland; Marque Richardson (‘Dear White People’) veste i panni di King Curtis, mentre Kimberly He’bert Gregory (‘Vice Principals’) è Ruth Bowen; infine, Shaian Jordan interpreta la giovane Aretha Franklin, detta Little Re.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»