Ema: “Presto Pfizer anche tra 12 e 15 anni, al via valutazione vaccino cinese Sinovac”

vaccino
Secondo il 'New York Times', la Food and Drug Administration Usa si sta preparando ad autorizzare il vaccino per i 12-15enni già dall'inizio dalla prossima settimana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Francesco Demofonti e Alessio Pisanò

ROMA – Il Comitato dell’Ema per i medicinali per uso umano (Chmp) sta valutando di utilizzare il vaccino anti-Covid Pfizer-BioNTech negli adolescenti di età compresa tra i 12 e i 15 anni di età. Lo ha reso noto l’Agenzia europea per i medicinali attraverso il proprio profilo Twitter.

Intanto, secondo il ‘New York Times’, la Food and Drug Administration si sta preparando ad autorizzare il vaccino per i 12-15enni già dall’inizio dalla prossima settimana. In questo modo sarebbe garantita l’immunizzazione a numerosi giovanissimi prima dell’inizio nel prossimo anno scolastico. Attualmente il vaccino Pfizer-BioNTech è utilizzato per i giovani di età pari o superiore a 16 anni.

L’Ema ha inoltre reso noto che è stato avviato il processo di revisione per il vaccino anti-Covid prodotto dalla cinese Sinovac. Secondo l’Agenzia, questo vaccino stimola correttamente la produzione di anticorpi contro il Covid-19 e sono in corso valutazioni per verificare se “i benefici superano i rischi”. Il processo di revisione è l’anticamera per una successiva autorizzazione all’uso del vaccino Sinovac nell’Unione europea.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»