Rifiuti, Cingolani: “Serve piano strategico per le regioni rimaste indietro”

roberto cingolani
"Soffriamo di forti disparità regionali nella gestione dei rifiuti", sottolinea il ministro della Transizione ecologica, per questo anche "i Comuni devono crescere nella capacità di previsione e pianificazione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sul fronte dei rifiuti “serve un piano speciale, strategico, per le regioni rimaste indietro, se non lo facciamo ora non lo facciamo più”. Roberto Cingolani, ministro della Transizione ecologica, lo dice intervenendo alla presentazione del IX e X Rapporto sulla ‘Raccolta Differenziata e Riciclo’ di Anci e Conai.

“Si dovrà creare lavoro buono, serio, di qualità”, ed “è in quest’ottica che il lavoro nelle regioni più in difficolta si può fare”. Infatti nella gestione dei rifiuti “soffriamo di forti disparità regionali, ci sono aree molto critiche- prosegue il ministro- alcune sono prime della classe a livello europeo, altre intermedie”. Quindi “sarebbe molto interessante fare un progetto strategico per le tre regioni più difficili da mettere in linea” e come Anci e Conai “potreste dare un’impronta molto forte”, valuta Cingolani. Certo, già ora “i Comuni si appoggiano a voi per la pianificazione, sbagliato”, dice il ministro, “i Comuni devono crescere nella capacità di previsione e pianificazione”. Certo, “so quello che dico sarà usato contro di me”, ironizza Cingolani, ma quanto detto “non significa riprendere i Comuni ma auspicare si possa sviluppare al meglio la competizione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»