VIDEO | Sul lungomare di Napoli maschere di Conte pagliaccio alla protesta dei commercianti

"Dal governo ci aspettiamo scelte più coraggiose, altrimenti dall'oggi al domani ci troveremo con licenziati e centinaia di saracinesche abbassate"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – Un folto gruppo di commercianti si è riunito alla rotonda Diaz del lungomare di Napoli per manifestare pacificamente nella prima giornata della Fase 2. In strada, all’ora del tramonto, circa 200 persone tra ristoratori, gestori di bar, pizzerie, locali della movida ma anche parrucchieri, estetisti e altri esercenti, professionisti e partite IVA. Durante l’iniziativa hanno indossato delle maschere raffiguranti il volto del presidente del Consiglio Giuseppe Conte con le fattezze di un pagliacco o di “V per vendetta”. “Siamo la parte sana di questa città, vogliamo rispettare tutte le regole che il governo sta mettendo in campo, ma ci vogliono scelte più coraggiose, altrimenti dall’oggi al domani ci troveremo con licenziati e centinaia di saracinesche abbassate. Migliaia di posti di lavoro sono a rischio in questo momento a Napoli“, hanno spiegato gli organizzatori. Chiedono maggiore “programmazione” e precisano di non poter accettare che il governo “non abbia ancora erogato la cassa integrazione, dando una liquidità irrisoria a una parte minima di popolazione. Dovremmo ancora indebitarci per guardare a un futuro incerto?”. I manifestanti avevano con sè anche gli articoli della prima parte della Costituzione perchè, hanno spiegato, “non ci riconosciamo in Conte e nell’operato del governo, ma nella Costituzione”. “Noi non apriamo a queste condizioni. Dobbiamo essere garantiti, lo Stato deve fare la sua parte”, ha spiegato Guido Guida, imprenditore nel settore food and beverage. La manifestazione doveva procedere con un corteo che dal lungomare avrebbe dovuto raggiungere la sede della regione Campania. Sul posto però sono intervenute le forze dell’ordine per la presenza di troppe persone che ha determinato assembramenti. Una delegazione ha quindi richiesto di essere ricevuta dal prefetto di Napoli. LEGGI ANCHEVIDEO | Protesta dei commercianti a Napoli, sui cartelli la scritta #IoNonRiapro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»