VIDEO | Roma, con la ‘Fase 2’ a Villa Borghese è quasi pienone

Dalla cosiddetta 'valle dei cani' al laghetto, passando per la Galleria Borghese, piazza di Siena, fino al Pincio e' un continuo via vai che si incrementa con il passare delle ore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Non se lo sono fatti ripetere due volte i romani. Al primo giorno di apertura dei parchi, previsto nella fase 2 dell’emergenza Covid-19, se non si puo’ ancora parlare di assalto poco ci manca.

A Villa Borghese, una delle piu’ rappresentative della Capitale, complice anche una calda e soleggiata mattinata primaverile, si sono riversati in tanti: mamme e papa’ con passeggini, bambini e adulti in bicicletta, runner (ormai una costante di ogni fase dell’era Covid), persone a passeggio con e senza cani, con questi ultimi che per pochi istanti spariscono alla vista a causa dell’erba molto alta in alcuni tratti.

Dalla cosiddetta ‘valle dei cani’ al laghetto, passando per la Galleria Borghese, piazza di Siena, fino al Pincio e’ un continuo via vai che si incrementa con il passare delle ore. Poche le mascherine ma il distanziamento di un metro e’ abbastanza rispettato, grazie anche alla scarsa presenza di gruppi con piu’ di due persone.

Infine, al rumore degli zoccoli dei cavalli dei Carabinieri di ronda e’ alternato quello del barrito degli elefanti del Bioparco, almeno loro, ancora sottoposti alla solitudine forzata.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»