Gualtieri: “750 miliardi per prestiti, misure più ampie adottate in Ue. E presto contributi a fondo perduto”

Il ministro dell'Economia annuncia che nel futuro dl ci saranno ulteriori misure a sostegno del lavoro, dei redditi, delle imprese, del comparto produttivo sotto forma di contributi a fondo perduto"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Le garanzie pubbliche superano i 400 miliardi di euro, mentre quelle del primo decreto investono circa 340 miliardi di euro. Le misure adottate dal governo sono tra le più ampie adottate in tutta Europa“. Lo dice il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, in audizione alla Camera nelle Commissioni riunite Finanze e Attività produttive, nell’ambito dell’esame del dl Liquidità alle imprese.

“MISURE ADOTTATE PER IL 40% PIL”

“Le misure adottate ammontano a circa il 40% del Pil nazionale. E’ una dimensione superiore, e in alcuni casi ampiamente superiore, a quella degli interventi adottati in altri Paesi”, dice ancora Gualtieri.

LEGGI ANCHE: Di Maio: “Oggi al lavoro 4,5 milioni di italiani. Ora responsabilità, dimostriamo chi siamo”

“IN PROSSIMO DL CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO”

“Oggi si riavviano le attività produttive. Il Paese è ancora fortemente investito da una crisi senza precedenti, tutto questo richiede uno sforzo strarodinario da parte di tutti, anche dal governo per completare il set di misure che abbiamo intrapreso”, dice Gualtieri. E annuncia: “Le misure di liquidità sono indispensabili. Nel futuro dl ci saranno ulteriori misure a sostegno del lavoro, dei redditi, delle imprese, del comparto produttivo sotto forma di contributi a fondo perduto“. 

“L’obiettivo- prosegue il ministro- è completare le nuove misure questa settimana, spero già a metà di questa settimana, per varare il decreto e realizzare ulteriori misure. È stato saggio prendersi qualche giorno in più per non trovarci a prendere misure che non rientravano nel Temporary Framework”.

“MISURE STANNO PRODUCENDO PRIMI FRUTTI ATTESI”

“Al netto delle difficoltà iniziali, le misure stanno producendo i primi frutti attesi. Ovviamente è molto importante il lavoro per rafforzare e migliorare l’efficienza delle misure per individuare eventuali interventi di moral suasion e di verifica puntuale della corretta attuazione delle norme”, dice ancora Gualtieri.

LEGGI ANCHE: Conte: “Fase 2 con senso civico e responsabilità, ce la faremo”

“SACE EFFICIENTE, GARANZIA GIÀ IN FUNZIONE”

“Sace si è dimostrata efficiente, in due settimane ha già predisposto tutti gli strumenti e le documentazioni necessarie per rendere operativa la garanzia che è già in funzione”, dice ancora il ministro Gualtieri.

AL 24/04 DOMANDE MORATORIA PRESTITI PER 177 MLD

“Risultano pervenute 1.6 milioni di domande o comunicazioni di moratoria sui prestiti, al 24 aprile, per un ammontare complessivo di 177 miliardi”, dice Gualtieri.

“SOSTEGNO LIQUIDITÀ NON SUFFICIENTE MA NECESSARIO”

“E’ evidente che da solo il sostegno alle liquidità non è sufficiente ma è altrettanto evidente che si tratta di interventi necessari e di grandissima importanza”, dice Gualtieri.

“CONDONO NON RIENTRA TRA AZIONI MA ALLEGGERIRE FISCO”

“Il condono fiscale non rientra tra le linee di azione di questo governo. Piuttosto bisogna pensare ad un alleggerimento delle misure fiscali, perchè il coronavirus è una circostanza straordinaria e non deve essere pagata di cittadini. Altro è confondere questo con comportamenti pregressi, terrei distinte le due cose”, dice ancora Gualtieri.

“IMPENNATA RICHIESTE GARANZIA IN ULTIMI GIORNI”

“E’ evidente che negli ultimi giorni stiamo assistendo finalmente a un’impennata delle richieste di garanzia al Fondo da parte delle banche. Il trend conferma quanto ci aspettavamo”, aggiunge il ministro Gualtieri.

“DA BANCHE ASPETTIAMO ATTUAZIONE RAPIDA MISURE”

“Sulle banche sappiamo che c’è una pressione fortissima. Ci aspettiamo che ci sia una attuazione più rapida ed efficace possibile di queste misure”, dice ancora il ministro dell’Economia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»