Colombia, una hit celebra Pablo Escobar: polemiche e scuse

Il sindaco di Medellìn denuncia riferimento al signore del narcotraffico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un singolo dei cantanti portoricani Victor Manuelle e Farruko ha fatto infuriare Federico Gutierrez, sindaco di Medellìn, in Colombia, che ha chiesto e ottenuto pubbliche scuse per il testo della canzone.  “Quello che sento è puro come la coca di Medallo (soprannome della città colombiana, ndr), non sono Pablo (Escobar) ma sai di cosa parlo” canta Manuelle nella sua hit da oltre quattro milioni di visualizzazioni Youtube.
“Voglio pensare che non siate consapevoli del danno che fate alla città con la vostra canzone ‘Amarte duro’” aveva scritto ieri, in una lettera alle due star della salsa, il sindaco: “Nessuna città al mondo ha sofferto quello che ha sofferto Medellìn; il fenomeno del narcoterrorismo ci ha lasciato oltre 20mila morti e innumerevoli vittime dirette e indirette”.

Inoltre, Gutierrez ha criticato anche l’allusione “meschina” alla violenza contro le donne: nel brano, Manuelle canta “ti colpirò come Chris con Rihanna”, alludendo alle violenze del cantante Chris Brown contro la ex partner, la popstar Rihanna. In una lettera di scuse pubblicata ieri, Victor Manuelle ha chiarito di “non voler offendere nessuno” e fatto sapere di aver scritto una nuova versione del brano in cui “si correggono entrambi i gravi errori”.
Su Twitter, il sindaco ha ringraziato e invitato l’artista a Medellìn a “raccontare l’altra faccia della storia”. Per anni nell’elenco della rivista ‘Forbes’ sugli uomini più ricchi del mondo, Pablo Escobar è stato un signore della droga, accusato della morte di oltre 4mila persone.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»