Pd, calma apparente. Franceschini ancora contro Renzi: “Sua riflessione superficiale e sbagliata”

"Proprio il fatto che Grillo e 5 Stelle tornino, fallita una prospettiva di Governo e avvicinandosi le elezioni, ai toni populisti e estremisti, dimostra che avremmo dovuto accettare la sfida di un dialogo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Penso che la riflessione di Renzi sia superficiale e sbagliata. Proprio il fatto che Grillo e 5 Stelle tornino, fallita una prospettiva di Governo e avvicinandosi le elezioni, ai toni populisti e estremisti, dimostra che avremmo dovuto accettare la sfida di un dialogo proprio per portarli a rapportarsi con la realtà di una azione di governo reale che non si affronta con grida e slogan”. Cosi’ Dario Franceschini, a proposito della posizione espressa da Renzi su facebook e delle recenti affermazioni di Grillo e Di Maio.

Franceschini aggiunge: “Come evolve un movimento che raccoglie il consenso di un terzo degli italiani riguarda anche il Pd e tutto il Paese ed e’ miope pensare sia un vantaggio che regredisca a posizioni populiste“.

LEGGI ANCHE:

Mattarella pensa a un “governo di tregua”: Pd e Centrodestra disponibili, M5S dice no

Pd, Orlando: “Dopo mesi ancora nessuna analisi su sconfitta elezioni”

Il Pd vede il voto e firma la tregua, ma no alle alleanze: né M5S né centrodestra

Direzione Pd, Franceschini: “Voto unitario, nessuna resa incondizionata a Renzi”

Direzione Pd, ecco tutti gli interventi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»