Grillo: “Rosatellum colpo di stato per impedirci di governare”

La risposta del dem Rosato: "Legge elettorale approvata dal parlamento con il più ampio consenso della storia della Repubblica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Italia e’ una democrazia? “Oggi siamo nella post-democrazia. C’è stato un colpo di stato a testa in giù“, risponde Beppe Grillo al sito francese Putsch.

“Abbiamo usato la democrazia per distruggerlo. In effetti, a causa di una legge elettorale, eravamo – come già sapevamo – in un vicolo cieco. La legge è stata decisa attorno a un tavolo per impedirci di governare. Allora, cos’è la democrazia? Non lo so, ma la democrazia dovrebbe consentire a chi ottiene il maggior numero di voti per governare”.

ROSATO A GRILLO: NESSUN COLPO DI STATO, CHI HA PIU’ VOTI GOVERNA

“A Grillo che parla di colpo di stato, riferendosi alla legge elettorale approvata a voto segreto dal parlamento con il più ampio consenso della storia della Repubblica, chiederei di spiegare ai suoi “ragazzi meravigliosi” che è giusto un sistema dove chi ha più voti governa.
Perché loro sono sempre stati di tutt’altro avviso: ci avevano detto che il premio di maggioranza è “antidemocratico” e che serviva un proporzionale. Salvo poi sabotare anche quello con lo scherzetto organizzato in aula contro il sistema tedesco”. Cosi’ il vicepresidente della Camera Ettore Rosato su facebook replica a Beppe Grillo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»