Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rifiuti elettronici, il Veneto è la terza regione in Italia con 23.000 tonnellate

VENEZIA - Con 23.214.841 chili di Raee (rifiuti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

rifiuti_elettronici

VENEZIA – Con 23.214.841 chili di Raee (rifiuti elettrici ed elettronici) raccolti nel 2015 il Veneto è la terza Regione in Italia per quantitativi assoluti. Lo ha evidenziato l’assessore all’ambiente Gianpaolo Bottacin presentando il rapporto del centro di coordinamento Raee in conferenza stampa questa mattina. Secondo il report, tra 2014 e 2015 la raccolta dell’elettropattume è aumentata in tutte le province venete a esclusione di Rovigo, dov’è diminuita dell’1,2%, raggiungendo una media regionale di 4,71 chilogrammi pro capite a fronte dei quattro richiesti dall’Unione Europea.

L’unica provincia sotto al valore europeo è Vicenza, dove si riciclano 3,42 chili di Raee per abitante. La provincia più virtuosa è invece Belluno, dove si riciclano 7,08 chili per abitante. Un risultato non scontato, vista la conformazione montuosa del territorio della provincia. “Questi dati sono il risultato della scelta politica di puntare sulla differenziata e dell’impegno dei cittadini” ha commentato Bottacin, avvertendo del pericolo rappresentato dal “referendum costituzionale di ottobre” che “toglie la materia ambientale alle Regioni e la porta allo Stato”.

di Fabrizio Tommasini, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»