Ecoreati. Galletti: “Appoggiamo il no al divieto di air gun”

ROMA - "Appoggeremo quegli emendamenti, di maggioranza come di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

carabinieri_ecoreatiROMA – “Appoggeremo quegli emendamenti, di maggioranza come di opposizione, che chiedono di eliminare il divieto all’uso della tecnica ‘air gun’ per le prospezioni petrolifere in mare. In proposito non ho mai cambiato idea, è una norma sbagliata”. Gian Luca Galletti, ministro dell’Ambiente, lo dice in un’intervista sulla ‘Stampa’. Se il Parlamento “accetterà la proposta del governo di cancellare quest’anomalo divieto- aggiunge- avremo la legge entro poche settimane. E penso che alla fine al Senato non sarà neppure necessario il ricorso alla fiducia”.

L’approvazione del ddl sugli ecoreati, sottolinea Galletti, “è una occasione storica che non possiamo perdere” perché “la situazione è non è più tollerabile”. Infatti, “con la sottovalutazione del reato” ambientale “sono stati altissimi i prezzi del nostro ecosistema- ricorda il ministro- e poi dobbiamo dare una risposta alle vittime”.

Se il divieto all’uso di air gun non fosse rimosso “saremmo l’unico Paese al mondo con questo divieto- aggiunge Galletti- è davvero una norma sbagliata, che ripropone il sillogismo dell’ambiente contrapposto allo sviluppo. Ma così procedendo, non potremo mai affrontare serenamente i temi ambientali”.

Per il ministro “il rischio in effetti è che l’Italia diventi un paese poco comprensibile per tutti, investitori stranieri per primi. E non dimentichiamoci che intanto la Croazia procede“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»