Coronavirus, per la prima volta diminuiscono i pazienti in terapia intensiva. In calo anche il trend dei decessi

Sono 681 i decessi in più registrati, per un totale di 15.362: "valore in costante diminuzione dal 26 marzo"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Sale a 88.274 il numero dei contagiati da coronavirus in Italia. Di questi, 3.994 sono ricoverati in terapia intensiva: un numero importante perchè in diminuzione (-74 rispetto a ieri) per la prima volta dall’inizio dell’epidemia. I decessi registrati nella giornata di oggi sono invece 681, con il numero dei morti che arriva a 15.362. Anche questo dato, sottolinea il capo della protezione civile Angelo Borrelli durante la conferenza stampa, “rappresenta un valore in costante diminuzione dal 26 marzo”.

“Siamo passati da piu’ di 120 accessi alle terapie intensive a un saldo negativo di 74 malati che non sono piu’ oggi nelle terapie intensive rispetto a ieri. E anche il numero dei deceduti si e’ ridotto dai 970 del 27 di marzo ai 681 di oggi”, dice il presidente del consiglio superiore di sanita’ Franco Locatelli in conferenza stampa.

E aggiunge: “Ma questo non deve essere minimamente letto come un messaggio che ormai e’ superata la fase critica e il pericolo e’ scampato. Non abbiamo scampato proprio nulla: e’ solo la dimostrazione che quanto abbiamo messo in atto e’ servito”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»