Coronavirus, Arcuri: “Non stiamo ancora vincendo, deplorevoli le immagini dai social”

Il commissario delegato alla gestione dell'emergenza coronavirus Domenico Arcuri: "Non è ancora il momento di normalizzare i coomportamenti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Non e’ ancora il momento della normalita’. Lo ha detto il commissario delegato alla gestione dell’emergenza coronavirus Domenico Arcuri, nel corso di una conferenza stampa presso la sede della Protezione civile.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Speranza: “Siamo ancora nel pieno della battaglia, per la ‘fase 2’ serve prudenza”

“Non dobbiamo pensare che stiamo vincendo, che abbiamo costretto l’avversario in un angolo e siamo quasi al sopravvento. Ne abbiamo solo ridotto la portata. Una raccomandazione va fatta a tutti i cittadini: astenetevi dal pensare che sia gia’ arrivato il momento di modificare o normalizzare i comportamenti. Non fatevi influenzare da sensazioni e calendari”, ha detto il commissario.

“Usciremo da questo dramma- aggiunge Arcuri- solo se ognuno fara’ la sua parte. Alcune immagini trasmesse dai social non vanno prese ad esempio, anzi: vanno deplorate. Dobbiamo fare di tutto perche’ i sacrifici non vadano dispersi. Per ora nulla e’ cambiato”.

Nelle prossime 48 ore contiamo di distribuire le mascherine Ffp2 all’ordine dei medici. Siamo in fase di distrbuzione”, ha detto il commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri nel corso di una conferenza stampa alla Protezione Civile.

Oggi abbiamo in distribuzione 620mila mascherine per i medici, che ringrazio ancora per la pazienza e il sacrifico che fanno, piu’ di ognuno di noi. La distribuzione di concludera’ tra questa sera e lunedi’ mattina”, ha detto Arcuri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»