fbpx

VIDEO | Simone è di Torre Maura e “non è d’accordo”

Ecco i veri cittadini di #TorreMaura. Grazie #Simone. I giovani sono il nostro futuro. A Roma non c'è spazio per gli...

Pubblicato da Virginia Raggi su Giovedì 4 aprile 2019

ROMA – “So’ di Torre Maura e non so’ d’accordo”. Lo ha detto Simone, 15 anni, uno dei tanti cittadini del quartiere di Roma, che sta diventando l’eroe del web. Il video in cui dibatte con i militanti di destra sta facendo il giro dei social ed è già diventato un meme.

Immagine dalla pagina Facebook di Casetta Rossa

“Quello che sta facendo lei è una leva sulla rabbia della gente del mio quartiere, Torre Maura, trasforma questa leva nei suoi interessi- dice il ragazzino- ieri era solo uno strumento per far sentire a Roma, alle istituzioni, che Torre Maura sta in una situazione di degrado”.

Leggi anche: Gli abitanti di Torre Maura insistono: “Non siamo razzisti”. Un rom: “Vogliono ammazzarci”

“Un giorno lavorerai e ti svaligeranno casa, ti toccheranno i tuoi cari, quando sarai padre capirai”, gli dice il militante di destra. Simone ribatte: “Il mio problema è che mi svaligiano casa, non chi me la svaligia Se mi svaligia casa un rom, tutti gli devono andare contro, se lo fa un italiano mi sto zitto che è italiano. Si va sempre contro la minoranza, a me non mi sta bene. Nessuno deve essere lasciato indietro: né italiani né rom né africani né qualsiasi tipo di persona”. Il militante incalza: “E perché, quelli della tua fazione politica non ci vengono qui?”. Simone dice: “Io non ne ho fazione politica, io so de Torre Maura”.

Tra i numerosi tweet quello della sindaca di Roma, Virginia Raggi: “Grazie Simone. Nessuno deve rimanere indietro. Ecco i veri cittadini di TorreMaura. Grazie Simone. I giovani sono il nostro futuro. A Roma non c’è spazio per gli estremismi di Casapound e Forza Nuova”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

4 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»