fbpx

Tg Pediatria, edizione del 4 aprile 2019

A BOLOGNA IL 75ESIMO CONGRESSO SIP SARÀ APERTO ALLA CITTÀ

Dal 29 maggio all’1 giugno Bologna sarà animata dal 75esimo Congresso italiano di pediatria della Sip. Un congresso che si apre alla città e alla società. Il presidente Alberto Villani spiega alla Dire le novità di questa edizione.

AUTISMO, LOMBARDIA POTENZIA DIAGNOSI E PUNTA SU PEDIATRI”

I disturbi dello spettro autistico e quelli neuropsichiatrici sono esplosi del 75% negli ultimi otto anni. La Regione Lombardia fa già molto sul tema dell’autismo con 14 milioni investiti negli ultimi anni, ma non sono mai sufficienti. Abbiamo, quindi, aperto un tavolo con i maggiori esperti e le associazioni”. Parla l’assessore al Welfare, Giulio Gallera, a seguito dell’approvazione di una delibera che stanzia 1,5 milioni di euro in più per favorire la diagnosi precoce, interventi diretti e prese in carico immediate nell’autismo e nelle disabilità complesse. Ambiti in cui il pediatra avrà un ruolo centrale.

AL VIA COLLABORAZIONE INPS-OSPEDALI SU SINDROME WILLIAMS

La collaborazione tra INPS e ospedali pediatrici per la presa in carico dei piccoli pazienti con sindrome di Williams permetterà di migliorarne l’assistenza. Ne è certo Bruno Dallapiccola, direttore scientifico dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

SIMEUP: USO VITAMINE IN GRAVIDANZA RIDUCE RISCHIO AUTISMO

Assumere vitamine prenatali durante il primo mese di gravidanza riduce il rischio di sviluppare i disturbi dello spettro autistico nei bambini con predisposizione genetica. A dimostrarlo è il recente studio internazionale condotto su 241 bambini, i cui fratelli maggiori avevano ricevuto una diagnosi di autismo. L’indagine ha valutato la crescita dei piccoli a partire dai 6 mesi fino ai 3 anni. È emerso che circa il 33% dei bambini le cui madri non avevano assunto vitamine prenatali nel primo mese di gravidanza ha sviluppato i disturbi dello spettro autistico. Solo il 14% dei minori le cui mamme avevano assunto vitamine ha manifestato i sintomi. Lo studio è stato presentato al Congresso della Simeup Sezione Umbria a Perugia.

FIMP: STOP A TAGLI E ATTENZIONE A PATOLOGIE CRONICHE

Sono 40 milioni le visite ogni anno a bambini e adolescenti per un totale di oltre 7.000 specialisti che operano capillarmente su tutto il territorio nazionale. Sono questi i due principali dati che rappresentano, ad oggi, il lavoro del pediatria di famiglia italiano. Tuttavia, “dal 2010 i tagli ammontano a circa 37 miliardi- afferma Paolo Biasci, presidente nazionale della Fimp- e attualmente gli italiani pagano oltre 40 miliardi l’anno per prestazioni sanitarie. È necessario un riordino legislativo e chiediamo maggiori risorse per la nostra categoria, a partire dalle borse di studio che devono essere aumentate”. Tra le priorità dei prossimi anni, anche la gestione delle patologie croniche nei giovanissimi: “È un fenomeno in crescita, che interessa un bimbo italiano su dieci- aggiunge Antonio D’Avino, vicepresidente della Fimp- in particolare sono in aumento le allergie e i problemi respiratori”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

4 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»