Governo, Toti: “Escludere Berlusconi offensivo per la democrazia”

Giovanni Toti attacca Di Maio per la pretesa di escludere Berlusconi dalle trattative per il governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “Credo che la pretesa di Di Maio di escludere un leader politico che rappresenta oggi circa 4 milioni di elettori sia offensiva per la democrazia, non per Silvio Berlusconi”. Così il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, a margine di una conferenza stampa, risponde alle domande dei cronisti sulla disponibilità di Luigi Di Maio a dialogare con il centrodestra escludendo il leader di Forza Italia da ogni trattativa.

“Berlusconi rappresenta un partito che fa parte a pieno titolo della coalizione di centrodestra e sarà la coalizione che deciderà chi parla per chi e per dire che cosa- prosegue il governatore ligure- non può essere il Movimento 5 Stelle con dei diktat assurdi a decidersi l’interlocutore che gli fa più piacere o più comodo”.

Per Toti, comunque, “il problema vero non è chi parla per il centrodestra ma mettere insieme un governo che gli italiani si aspettano e soprattutto un programma che gli italiani si aspettano. Se questo non sarà possibile, la parola deve tornare agli elettori sovrani, magari con un’altra legge elettorale, dato che il Parlamento si è insediato felicemente, altrimenti il risultato sarebbe poco differente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»