Migranti, M5S: “In commissione anticamorra il caso di Castel Volturno”

NAPOLI - "Raccogliere il grido d'allarme lanciato dal sindaco di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

regione-campania_258NAPOLI – “Raccogliere il grido d’allarme lanciato dal sindaco di Castel Volturno, Dimitri Russo, e’ un dovere affinche’ i gravi episodi di violenza che si sono registrati contro gli immigrati in molte zone del Litorale Domitio non diventino benzina sul fuoco della criminalita’ che cova costantemente sotto la cenere in questi territori”. Lo dice Vincenzo Viglione, consigliere regionale del M5S in Consiglio regionale della Campania, in merito alle aggressioni contro gli immigrati nel Comune del Casertano.

Da qualche tempo, si verificano aggressioni contro gli stranieri che vivono nella zona per via delle le rapine che da anni si susseguono nelle abitazioni – afferma – sulle quali e” evidente che qualcuno sta cercando di accreditarsi tra la gente come in grado di garantire la sicurezza, a fronte della carenza di mezzi e uomini delle forze dell”ordine”. “Si rischia, in questa situazione, che, come insegna la storia – sottolinea Viglione – i vuoti che possono venire a crearsi per la scarsa presenza dello Stato siano riempiti da coloro che giocano sulla paura dei residenti per conquistarsi posizioni nel panorama criminale”. “Come Commissione Anticamorra, in linea con le finalita” della campagna di ascolto avviata sui territori, tenendo fede alla prerogativa di uscire dal Palazzo – annuncia in conclusione – proporro” nella prossima riunione dell”Ufficio di Presidenza di giovedi” prossimo di organizzare in tempi brevi un incontro col sindaco Russo, recandoci direttamente a Castel Volturno”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»