Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Storia di Nicolas, vittima di una mina inesplosa nel torinese

Oggi è cieco e senza mano. Il giovane: "Era una cosa rossa, sembrava un lumino"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Una cosa rossa e argentata, sembrava un lumino da camposanto…” era invece una mina inesplosa che ha ferito Nicolas Marzolino, 19 anni, privandolo della vista e di una mano.

nicolas marzolino

È successo in Italia, a Novalesa, in provincia di Torino, solo due anni fa. Il giovane era presente oggi alla conferenza “È tempo di disinnescare il pianeta” organizzata dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca insieme all’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra nella sede del dicastero di viale Trastevere.

L’impegno del ragazzo valsusino è ora “sensibilizzare” al problema, come spiega in un’intervista all’agenzia Dire, “soprattutto nelle scuole”, perché incidenti del genere non si verifichino più.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»