Comunali, Raggi: “Non credo ai sondaggi ma alle risposte dei cittadini”

  ROMA - "Non credo ai sondaggi ma alle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 

Virginia Raggi (1)

ROMA – “Non credo ai sondaggi ma alle risposte dei cittadini, abbiamo lavorato tre anni e ora i cittadini sono con noi e ci apprezzano”. Lo ha detto la candidata a sindaco di Roma del M5S, Virginia Raggi, intervistata da Giovanni Minoli su ‘Radio24’. Quale avversario teme di più?L’astensionismo. Mi fa paura la previsione del 40-50% di astensionismo”, ha replicato Raggi.

NUOVI VERTICI ACEA? VEDREMO, NON POSSO SVELARE TUTTO – Perché dovrei essere pentita” di aver detto di voler cambiare i vertici di Acea? “Credo che un sindaco dovrebbe dire cosa intende fare non solo della città, ma anche delle municipalizzate e in questo caso di Acea, che è una quotata. Acea per il 55% è ancora del Comune, mentre il Pd è partito lancia in resta in difesa del socio privato. Non va bene, il Comune deve fare il Comune”, ha detto la candidata a sindaco di Roma del M5S. I vertici di Acea li cambia con chi? “Vedremo. Innanzitutto andiamo a capire cosa hanno fatto in questi anni, come sono stati fatti investimenti- ha replicato Raggi- Stiamo iniziando a fare questa valutazione, ma non posso svelare tutto adesso. Sicuramente ci sono delle operazioni da fare, delle attività da fare. Nomi in testa? Forse. Acea deve fare quello per cui è nata, deve lavorare sull’acqua e fare investimenti sulle reti”. A Roma, ha concluso l’esponente M5S, “ci sono circa 80 società partecipate, questo significa moltiplicazione di poltrone e management. Occorre capire cosa fanno e poi riorganizzare”.

TRONCA NON FACCIA NOMINE SUPER FUNZIONARI – “Mi auguro che Tronca aspetti e che continui questa proroga ancora un mese, che non cambia nulla a fronte di due anni di ritardo, e lasci decidere alla pubblica amministrazione”, ha aggiunto Raggi, in merito alle nomine delle posizioni organizzative all’interno del Comune di Roma. “Tronca ha fatto anche alcune cose di facciata e per adesso si sta anche intestando alcune attività che a mio avviso sono anche molto pericolose, e riguardano scelte politiche, non scelte di ordinaria amministrazione. Ad esempio adesso ci sarà da rinominare le posizioni organizzative, che sono dei super funzionari del Comune di Roma. La loro mansione è molto importante e i loro contratti sono scaduti già dal 2013, quindi abbiamo due anni di proroga. Visto che le nomine vengono fatte dai dirigenti, dai direttori, sono nomine di tipo politico”, ha aggiunto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»