Zingaretti si dimette ma il Pd gli chiede di restare

Dopo le dimissioni di Zingaretti i maggiori esponenti del Pd si uniscono per chiedergli un ripensamento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le dimissioni del segretario dem Nicola Zingaretti scuotono il Partito Democratico. Dopo le parole del governatore del Lazio, che ha accusato le correnti del suo partito di “pensare solo alle poltrone mentre il paese è colpito dalla pandemia, tra le fila dei dem si è alzato un coro di voci per chiedere a Zingaretti di ripensarci o, in alternativa, per bloccare le sue dimissioni in assemblea.

LEGGI ANCHE: Due ipotesi nel Pd: dimissioni Zingaretti respinte o candidato a Roma?

FRANCESCHINI: ACCANTONARE CONFLITTUALITÀ, UNITÀ ATTORNO A ZINGARETTI

“Abbiamo sulle spalle non solo il destino del Pd ma una responsabilita’ piu’ grande nei confronti di un Paese in piena pandemia. Il gesto di Nicola Zingaretti impone a tutti di accantonare ogni conflittualita’ interna, ricomponendo una unita’ vera del partito attorno alla sua guida”. Cosi’ il ministro della Cultura Dario Franceschini su twitter.

DELRIO: ZINGARETTI RIMANGA ALLA GUIDA DEL PARTITO

“In un momento cosi’ grave e difficile per il Paese il Pd ha bisogno che Nicola, che ha sempre ascoltato tutti, rimanga alla guida del partito. Il dibattito interno e’ fisiologico e non deve essere esasperato. Ritroviamo insieme la strada”. Lo scrive su twitter Graziano Delrio, capogruppo Pd alla camera.

PD. ZANDA: ASSEMBLEA RESPINGA DIMISSIONI ZINGARETTI ALL’UNANIMITA’

“Nicola Zingaretti ha guidato il Partito democratico con grande responsabilita’ in due anni terribili. L’ha tenuto unito in fasi difficili e complesse del Paese ed io gliene sono particolarmente grato. Conoscevo e comprendo le sue amarezze. Ma credo che l’Assemblea del partito debba respingere all’unanimita’ le sue dimissioni. Il Partito democratico ha un ruolo molto importante nel sistema politico italiano ed ha bisogno del suo Segretario”. Lo dichiara il senatore del Partito democratico, Luigi Zanda.

PD. BETTINI: DECISIONE ZINGARETTI MI ADDOLORA MA COMPRENDO RAGIONI

“La decisione di Nicola Zingaretti mi addolora. Ne comprendo le ragioni. Spero ci sia lo spazio per un ripensamento. Il Partito Democratico ha bisogno della sua onesta’, passione e intelligenza politica”. Cosi’ Goffredo Bettini, membro della direzione nazionale del Pd, commenta con un post su Facebook l’annuncio delle dimissioni da segretario del Pd da parte di Nicola Zingaretti.

PD. PROVENZANO: ZINGARETTI CI RIPENSI E ASSEMBLEA DEM RESPINGA DIMISSIONI

“Nicola Zingaretti ci ripensi, l’assemblea del Pd respinga le dimissioni del segretario. Ci ripensino anche quelli che, in queste ore, hanno logorato il Pd. Siamo in gran tempesta, serve un nocchiero e un equipaggio. Anche per discutere, insieme, di come cambiare a fondo”. Cosi’ l’ex ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano su Twitter.

PD. BOCCIA: ZINGARETTI HA RISOLLEVATO PARTITO, ASSEMBLEA GLI CHIEDA RESTARE

“Nel momento piu’ drammatico della storia recente del Paese e nel momento piu’ difficile della storia del Partito democratico, Nicola Zingaretti e’ stato un faro sia per il governo che per il PD. Credo che nessuno possa mettere in dubbio fatti oggettivi, oltre alla sua serieta’ e alla sua lealta’ verso la comunita’ dem. E penso che l’Assemblea nazionale abbia una sola strada: chiedergli di restare segretario del PD che, grazie alla sua guida, e’ uscito da uno dei periodi piu’ bui della sua storia”. Lo scrive su Facebook il deputato PD, Francesco Boccia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»