Covid, a Pescara 42 persone intubate: ospedale al completo

giustino parruti
Parruti, direttore della Uoc di Malattie Infettive: "Numeri importanti, ma il sistema regge"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PESCARA – Sono 42 i pazienti in terapia intensiva, e dunque intubati, che si trovano nel Covid Hospital di Pescara. Lo conferma il professor Giustino Parruti, direttore della Uoc di Malattie Infettive che oggi ha partecipato all’inaugurazione dei nuovi spazi in cui è stata allestita la Tac riservata proprio ai pazienti Covid presso il presidio cittadino. Rispondendo alla domanda dell’agenzia Dire sulla situazione attuale dell’ospedale, Parruti spiega: “Abbiamo una consistente e costante occupazione di tutti i posti letto, sono due giorni però che riusciamo con l’attuale volume di degenza che abbiamo, a chiudere con lo stesso numero di pazienti in attesa in Pronto Soccorso. È l’aspetto positivo che sottolineo volentieri perché abbiamo volumi sempre grandi, ce ne sono 15 in attesa, ma niente che abbia raggiunto proporzioni tali da dover pensare a un ridimensionamento ulteriore del sistema”. Attualmente, infatti, per ospitare tutti i pazienti Covid, sono state allestiti due spazi in Geriatria, uno in Medicina e uno in Malattie Infettive.

LEGGI ANCHE: Covid, gravità dei sintomi dipende dal dna: ecco studio Università Chieti

A Parruti chiediamo quindi qual è l’età media dei ricoverati, alla luce del fatto che, in altre regioni, si registrano ricoveri anche di giovanissimi. “Giovanissimi non ne abbiamo – rassicura -, ma questa mattina ho prescritto il Recruit a quattro persone sotto i 40 anni. C’è una proporzione di infetti con interstiziopatia più grave anche nei più giovani”. Sul fatto se sia d’accordo con quanto richiesto dal presidente della Regione, Marco Marsilio, che al Governo ha chiesto maggiori dosi di vaccino per consentire la somministrazione dei 18enni, afferma: “Dobbiamo assolutamente ridurre la circolazione del virus. Considerando la diffusione che c’è nella fascia di età tra 0 e 20 anni è l’occasione per ridurre il volano di contagio che questa fascia ha su tutta la popolazione. È un ottimo provvedimento”. All’inaugurazione dei nuovi spazi del Covid Hospital hanno preso parte, tra gli altri, il presidente della Regione Marco Marsilio, l’assessore regionale alla Sanità Nicoletta Verì, il presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri e il manager della Asl Vincenzo Ciamponi.

LEGGI ANCHE: Il Covid picchia duro, Magi: “Ricoverati anche giovani senza patologie pregresse”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»