Covid, sì alle mascherine chirurgiche ai bimbi dai 12 mesi

A dirlo è Riccardo Lubrano, direttore del Dipartimento Materno-Infantile della Sapienza Università di Roma, Polo Pontino, che ha guidato uno studio scientifico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I bambini dai 12 mesi in su possono indossare senza controindicazioni la mascherina chirurgica, una misura di sicurezza che se portata da tutti farà sicuramente cadere l’indice di infettività”. A dirlo è Riccardo Lubrano, direttore del Dipartimento Materno-Infantile della Sapienza Università di Roma, Polo Pontino, che ha guidato uno studio scientifico pubblicato due giorni fa (2 marzo 2021) sulla rivista Jama Network, dal titolo ‘Assesment of respiratory function in infantsand young children wearing face masks during the Covid-19pandemic’.

“Questa ricerca nasce dal bisogno di verificare le linee guida in cui si afferma che i bambini sotto i 6 anni non devono utilizzare le mascherine chirurgiche perché potrebbero essere dannose per la loro salute. In realtà queste linee guida non hanno avuto alcuna verifica tecnica- afferma il professore di Pediatria- né c’è alcun articolo che tecnicamente dimostri se questi bambini possano o meno utilizzare la mascherina chirurgica. La mascherina, il lavaggio delle mani e il distanziamento restano i tre punti ineluttabili per evitare la diffusione di una infezione. Anche se il bambino non si ammala gravemente, è comunque un trasportatore del virus e deve essere salvaguardato soprattutto per salvaguardare chi gli sta intorno. Con il vaccino faremo l’immunità di gregge- ricorda il pediatra- ma rispettando le misure di sicurezza ostacoleremo in modo più empirico la diffusione del virus”.

La ricerca ha quindi voluto verificare se effettivamente le mascherine chirurgiche fossero pericolose nei primi anni di vita. “Fortunatamente abbiamo un nuovo tipo di attrezzatura che ci permette di monitorare un parametro tecnico, la co2 di fine espirazione- fa sapere il presidente della Società italiana di medicina emergenza e urgenza pediatrica (Simeup)- che si altera molto prima della saturazione di ossigeno e ci permette di vedere immediatamente se questo dispositivo sia pericoloso”.

Il campione di studio è stato costituito da un gruppo di oltre 40 bambini, alcuni sopra i 2 anni e altri sotto i 2 anni: “Li abbiamo monitorati per 30 minuti per osservare i parametri di base, successivamente per altri 30 minuti li abbiamo tenuti con la mascherina mentre giocavano tranquilli, come se stessero all’asilo. Infine, per altri 15 minuti li abbiamo fatti camminare velocemente, un walking test. In totale si è trattato di un percorso di un’ora e un quarto in cui abbiamo registrato l’andamento della saturazione, della frequenza cardiaca e della frequenza respiratoria, nonché la pressione parziale di fine espirazione per l’anidride carbonica (EpCO2)”. Il risultato di questo esperimento? “L’uso della mascherina non ha modificato alcun parametro, sia nei bambini più grandi che in quelli di 12 mesi- conferma lo studioso- e questo significa che il bambino può tenere la mascherina e ostacolare la diffusione del virus”.

Un altro importante studio pubblicato sul New England riprendeva, a proposito del Covid-19, “il vecchio concetto della variolizzazione- ricorda Lubrano- ribadendo che se tutti usassimo la mascherina chirurgica diminuirebbe la possibilità di infettare in quanto diminuisce la carica virale che trasmettiamo. Ed è importante che anche i bambini siano immessi in quest’opera di prevenzione che ha già dato risultati tangibili: quest’anno è cambiato il quadro nei pronti soccorsi pediatrici, l’infettività è crollata, non abbiamo avuto polmoniti e bronchioliti, l’uso degli antibiotici ha raggiunto livelli bassissimi”.

Le mascherine chirurgiche vengono “da molti demonizzate in modo inopportuno- continua il presidente della Simeup- invece le famiglie devono farla indossare ai bambini, farla passare come un gioco per convincerli a tenerla soprattutto quando si va in luoghi pubblici e/o affollati come i supermercati”. La mascherina chirurgica, però, protegge solo se è usata in modo universale da tutti, “altrimenti occorre cambiare modello di mascherina per garantire la protezione anche a chi la porta”.

Al momento sotto la lente di ingrandimento ci sono “alcune particolari categorie di bambini a rischio e stiamo cercando di capire quale tipologia di mascherina potranno portare. Entro 20 giorni saranno probabilmente pubblicati tali dati. È necessario vedere come proteggere le categorie più fragili, un bambino cardiopatico che già di per sé ha problemi di portata cardiaca e saturazione, con la mascherina potrebbe avere difficoltà. Bisogna studiare come proteggere i più deboli- conclude Lubrano- L’immunità di gregge protegge tutti, ma è soprattutto un dovere sociale verso i più deboli, loro in molti casi sono protetti dagli altri”.

Qui è possibile leggere l’articolo originale: https://jamanetwork.com/journals/jamanetworkopen/fullarticle/2776928.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»