Emilia-Romagna rossa ma via libera ai cacciatori: esplode la polemica

cacciatore caccia fucile bosco
La consigliera regionale ex M5s Giulia Gibertoni chiede alla giunta è di ritirare l'ordinanza ritenendo "non congrua la giustificazione per ridurre gli incidenti provocati dalla fauna selvatica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Ci si può muovere da casa solo in caso di “necessità”, però via libera ai cacciatori. Per questo, dopo l’istituzione delle zone rosse a Bologna e Modena e restrizioni arancione ‘scuro’ in altre province, è polemica sulla libertà di movimento confermata per i cacciatori impegnati nelle attività di “selezione” nei confronti dei cinghiali, con l’intento di ridurre i danni alle culture.

A sollevare il caso è la consigliera regionale ex M5s Giulia Gibertoni. La sua richiesta alla giunta è di ritirare l’ordinanza che consente “ampia libertà di azione e movimento all’attività venatoria di selezione”. Questo, spiega nell’interrogazione, “al fine di non creare problemi aggiuntivi di sanità pubblica, non necessari in questo momento, oltre che la giusta percezione, nei cittadini dell’Emilia-Romagna, che ci siano categorie che possano godere di immotivati trattamenti di maggiore riguardo, riservando le risorse, anche giuridiche, della Giunta regionale a ricercare le possibili eccezioni, esercitabili in condizioni di assoluta sicurezza, a favore delle generazioni più giovani, già pesantemente colpite e dei soggetti più fragili in generale”.

L’ordinanza del presidente della Giunta varata il 3 marzo, cita Gibertoni, afferma che “a far data dal 4 marzo 2021 è consentito, sia in situazione di scenario di elevata gravità e di un livello di rischio alto (‘zona arancione’) sia di massima gravità e di un livello di rischio alto (‘zona rossa’), lo svolgimento dell’attività venatoria di selezione e le attività di censimento ad essa connesse”, ponendo come unico limite, evidenzia la consigliera, il confine regionale “permettendo così ai cacciatori di percorrere decine o centinaia di chilometri”.

Gibertoni conclude scrivendo che mentre i cittadini vengono limitati negli spostamenti, “appare non congrua la giustificazione per ridurre gli incidenti provocati dalla fauna selvatica“. Nella risposta a una interrogazione della stessa Gibertoni, l’assessore Corsini, nel settembre 2020, aveva detto che negli incidenti il “coinvolgimento di animali selvatici, che hanno comportato danni alle persone, è veramente esigua sulla base dei dati Istat relativi agli ultimi cinque anni”.

LEGGI ANCHE: Bologna, Merola: “Andate nei parchi vicino a casa” sennò scatta l’ordinanza

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»