Bologna, Merola: “Andate nei parchi vicino a casa” sennò scatta l’ordinanza

parco Bologna alberi verde
Il sindaco del capoluogo emiliano avverte: "Se non ci saranno comportamenti adeguati, ne prenderò atto con la chiusura". Nel frattempo è confermato l'arrivo del divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche dopo le 18
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – A Bologna, da oggi in zona rossa, i parchi restano aperti e il sindaco di Bologna non dice un “no” secco ai cittadini che vogliono trascorrere un po’ di tempo in una delle aree verdi della città: l’importante è limitarsi a quelle che si trovano nei pressi della propria abitazione. “È possibile girare intorno a casa andando al giardino o parco più vicino“, afferma il sindaco davanti alle telecamere di RaiNews24.

Dopo gli assembramenti visti giorni fa, sull’uso delle aree verdi “c’è stato un miglioramento- riconosce Merola- però ho già avvisato tutti i cittadini che è opportuno andare nei giardini e nei parchi vicino casa, non per forza e solo ai giardini Margherita”. Ma se “non ci sono comportamenti adeguati– avverte Merola- ne prenderò atto con un’ordinanza di chiusura“.

Il sindaco conferma anche l’arrivo di un’ordinanza che vieterà dalle 18 la vendita per asporto di bevande alcoliche in tutta la città, “una misura necessaria per prevenire la movida“. Per quanto riguarda infine il passaggio in zona rossa, si tratta di un provvedimento “inevitabile e necessario perché la pressione sul sistema ospedaliero è troppo forte, stanno aumentando i contagi e quindi bisogna chiudere”, ribadisce il primo cittadino. “Conto sulla collaborazione di tutte e tutti perché il momento è grave- conclude Merola- ma sono ottimista, perché penso che lo supereremo come abbiamo fatto altre volte, anche in relazione al fatto che si sta lavorando per accelerare il piano vaccini”.

LEGGI ANCHE: Bologna zona rossa, Merola: “Capisco nervosismo, ma è necessario”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»