Bernaudo (Liberisti Italiani): “Grave rinviare elezioni, votare in sicurezza si può”

andrea bernaudo
"Soluzioni ci sono, interrompere democrazia non è da 'migliori'"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ci dicono che il rinvio a dopo l’estate di tutte le elezioni amministrative previste da qui a fine giugno sia oramai cosa fatta. Noi e solo noi abbiamo fatto il possibile per evitare un ulteriore furto di democrazia, combattendo per affermare la verità contro l’inganno, il diritto contro l’arbitrio, la libertà contro la prepotenza. Se durante la crisi di governo valeva la regola: o Draghi o voto anticipato a giugno, oggi dovrebbe valere ancor di più la regola che il governo ‘dei migliori’ debba garantire l’esercizio del voto legale (e non anticipato) in sicurezza. Votare a scadenza naturale si può e noi abbiamo anche detto come, con proposte specifiche e a costo zero. I ‘migliori’ trovano soluzioni, perché interrompere la democrazia è troppo facile, ma altrettanto grave. Sullo sfondo i partiti, veri artefici dell’inganno, si sfregano le mani liberi di poter pianificare al meglio la spartizione e continuare poi indisturbati fino alla primavera del 2021. L’inganno è servito? Speriamo di no”. Così, in un post su Facebook, Andrea Bernaudo, presidente dei Liberisti Italiani e candidato sindaco di Roma.

LEGGI ANCHE: Verso rinvio elezioni regionali in Calabria e amministrative: ipotesi 10-11 ottobre

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»