Imprese Bologna, alla Philip Morris stipendi equi tra uomini donne

È il primo gruppo aziendale in Italia a ottenere questo riconoscimento sulla parità di genere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Stipendi ‘equi‘, tra uomini e donne, alla Philip Morris. Philip Morris Italia e Philip Morris Manufacturing & Technology Bologna annunciano oggi di aver conseguito la certificazione Equal-salary, rilasciata dall’omonima Fondazione. È il primo gruppo aziendale in Italia a ottenere questo riconoscimento sulla parità di genere.

“Il successo della nostra azienda- evidenzia Paolo Le Pera, direttore Risorse umane del gruppo Philip Morris in Italia- dipende da un ambiente ricco di talenti e fortemente diversificato, dove ogni persona, senza alcuna distinzione, può apprendere, crescere e sviluppare opportunità di carriera. Questo significa prima di tutto che gli uomini e le donne devono essere retribuiti in modo equo e paritario”.

Dunque, aggiunge il manager Philip Morris, “la parità salariale è una tappa fondamentale per arrivare ad una vera parità di genere nel mondo del lavoro: essere la prima azienda certificata ‘Equal-salary’ in Italia significa non solo valorizzare i principi di uguaglianza che caratterizzano un ambiente inclusivo e dinamico, ma anche farsi ambasciatori di un tema che crediamo sia di importanza vitale per il nostro Paese”.

Il gruppo leader del tabacco ricorda, in tutto questo, di essere sempre al lavoro sulla “profonda trasformazione” del proprio business, puntando ad eliminare completamente le sigarette a favore dei prodotti alternativi al fumo.

di Luca Donigaglia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»