È morto Luke Perry, il Dylan McKay di Beverly Hills 90210

L'attore era stato colpito da un ictus lo scorso 28 febbraio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Luke Perry, l’attore divenuto una star del piccolo schermo negli anni ’90 grazie al ruolo di Dylan McKay nella serie cult Beverly Hills 90210, è morto oggi all’età di 52 anni. A rivelarlo la BBC. L’attore era stato colto da un ictus lo scorso 28 febbraio. Secondo il suo portavoce Perry si sarebbe spento circondato dall’affetto dei propri parenti e amici.

LEGGI ANCHE La serie tv “Il nome della Rosa” da oggi su Rai 1: cast, location e anticipazioni

L’attore era attualmente impegnato nelle riprese di Riverdale e a breve sarebbe dovuto tornare anche sul set della serie che lo aveva portato alla celebrità, per un revival a cui prenderanno parte gran parte dei protagonisti della serie originale.

IL RICORDO DI LEONARDO DI CAPRIO

Tra i tanti artisti che hanno espresso il proprio cordoglio per l’inaspettata morte del collega c’è il premio Oscar Leonardo Di Caprio che su Twitter scrive: “Luke Perry era un uomo di buon cuore e un artista di incredibile talento. E’ stato un onore poter lavorare con lui. I miei pensieri e le mie preghiere sono rivolti a lui e ai suoi cari”. I due attori hanno lavorato insieme in  C’era una volta a Hollywood, l’atteso nuovo film di Quentin Tarantino.

Luke Perry was a kindhearted and incredibly talented artist. It was an honor to be able to work with him. My thoughts and prayers go out to him and his loved ones.

— Leonardo DiCaprio (@LeoDiCaprio) 4 marzo 2019

VIDEO | Beverly Hills 90210, Tori Spelling conferma il revival con il cast originale… tranne Brenda

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»