Hit parade all’insegna di Sanremo. Michele Bravi in testa con le Anime di carta

A seguire Samuel, Ermal Meta e le signore del Festival
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Come spesso accade, anzi sempre, è il Festival di Sanremo a dettare l’ordine della classifica dei dischi più venduti. La hit parade di Fimi-GfK, dal 24 febbraio al 2 marzo, lo testimonia certificando al primo posto dei dischi più venduti Michele Bravi e le sue Anime di Carta.

Sanremo lascia il segno

Oltre al primo posto di Michele Bravi la classifica degli album più venduti, segna il riscatto di Gigi D’Alessio. L’esclusione dalla competizione dell’Ariston è ripagata con il terzo posto nella hit. Medaglia d’argento per Samuel solo decimo al Festival. A seguire, sempre nella tradizione sanremese, Ermal Meta con Vietato morire. Il quinto posto, invece, è ad appannaggio di due mostri sacri, Mina e Celentato. Sesto, per gli album più venduti, un altro classico della musica leggera, Tiziano Ferro con Il mestiere della vita. Escludendo il settimo posto, quello della coppia Fedez-J-Ax, si torna a parlare di Sanremo. Dall’ottava alla decima posizione della hit, infatti, si trovano tre signore della competizione canora. Nell’ordine, Fiorella Mannoia, Elodie e Chiara con Nessun posto è casa mia. Se non trova posto nella classifica degli album più venduti, Francesco Gabbani e la sua Occidentali’s Karma si rifanno con il primo posto nella hit degli streaming e download.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»