Vigilanza. Auditi in commissione regionale i rappresentanti delle aziende sanitarie

REGGIO CALABRIA - La Commissione speciale di Vigilanza, presieduta dall’on.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Aula-Consiglio-Regione-CalabriaREGGIO CALABRIA – La Commissione speciale di Vigilanza, presieduta dall’on. Giuseppe Ennio Morrone, ha audito nel corso della seduta odierna i rappresentanti delle aziende sanitarie di Cosenza, Reggio Calabria e Vibo Valentia, in ordine alle misure che si intendono adottare per l’avvio della realizzazione dei nuovi ospedali della Sibaritide, del Vibonese e della Piana di Gioia Tauro a seguito delle vicende giudiziarie che hanno interessato la società aggiudicatrice, la Tecnis, degli inerenti lavori.
Nel corso  dell’adunanza, i consiglieri regionali hanno posto numerosi quesiti all’ing. Domenico Pallaria, capo del dipartimento Lavori Pubblici della Giunta regionale sulle procedure finora seguite e sulle iniziative da intraprendere per realizzare le opere programmate. Inoltre, è emerso dall’audizione della dottoressa Angela Caligiuri lo stato di insicurezza di alcuni padiglioni dell’ospedale vibonese, in particolare quello ospitante ortopedia, dovuto a problemi di dissesto geologico. Sono stati, di seguito, ascoltati il dottor Raffaele Mauro, dell’Asp di Cosenza, e l’arch. Alfredo Mittica in rappresentanza della Commissione governativa che attualmente amministra l’Asp di Reggio Calabria.
Successivamente, la Commissione ha ascoltato il commissario straordinario del Corap, dottor Giulio Oliverio, l’organismo dentro cui sono destinate a confluire le attività dei Consorzi industriali delle cinque province calabresi, che era coadiuvato dai direttori generali dei singoli enti.
Hanno partecipato alla seduta, oltre il presidente Morrone,  i consiglieri Battaglia, Guccione, Cannizzaro, Pasqua, Giudiceandrea, con il coordinamento del Segretario Generale del Consiglio regionale, dottor Maurizio Priolo.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»