Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Italia 362mila ciechi e più di un milione di ipovedenti

occhio
"Se queste persone avessero praticato la prevenzione, ne avremmo solo il 20%"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

occhioROMA –  “Abbiamo in Italia 362mila ciechi e più di un milione di ipovedenti. Se queste persone avessero praticato la prevenzione, ne avremmo solo il 20%“. E’ il dato riferito all’Agenzia Dire da Giuseppe Castronovo, avvocato e presidente della Sezione Italiana per l’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità- IAPB Italia Onlus, che sottolinea come la vista si possa salvare attraverso la prevenzione, ma anche che “quando la malattia insorge, si può bloccare” se si va dall’oculista in tempo. Il presidente della Onlus ha parlato a margine della conferenza stampa che si è svolta stamane al Ministero della Salute per presentare la campagna “C’è così tanto da vedere. Non perdere nulla: prevenire è semplice” promossa dalla Onlus in occasione della “Settimana Mondiale del Glaucoma”, in programma dal 6 al 12 marzo. Previste, per l’occasione, visite gratuite e gazebo informativi in oltre 70 città italiane. Tutte le informazione su www.iapb.it/settimanaglaucoma. Il glaucoma è una malattia che colpisce il nervo ottico e causa, nel tempo, danni permanenti alla vista accompagnati da riduzione del campo visivo e alterazioni della papilla ottica.

LEGGI ANCHE

Roma, il taxi rifiuta donna cieca con cane guida: “E’ troppo grande”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»