Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Settimana mondiale del glaucoma, visite in 70 città

Il glaucoma è "una malattia insidiosa perché per molto tempo non dà segno, provocando un danno progressivo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

locandina_GLAUCOMAROMA  – “La prevenzione per il glaucoma è importantissima” dice il professor Mario Stirpe, presidente dell’IRCCS “G. B. Bietti”, perché la patologia scoperta in tempo può essere messa in grado di non progredire”. Così nella sede del ministero della Salute, dove è stata presentata la “Settimana Mondiale del Glaucoma” in programma dal 6 al 12 marzo in più di 70 città italiane.

presentazione_glaucoma“Mai nessuno che mi abbia insegnato, a scuola, quanto fosse importante proteggere gli occhi” sottolinea la giornalista Carla Massi, che oggi ha coordinato l’incontro. “Chi si interessa di più della prevenzione, oggi sono proprio coloro che hanno perso la vista” aggiunge Stirpe e osserva: “Il glaucoma, per la sua diffusione, è tra le patologie che rivestono un particolare interesse sociale. E’ una malattia insidiosa perché per molto tempo non dà segno, provocando un danno progressivo“. La campagna della IAPB Italia Onlus, sezione Italiana dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità, prevede visite, gazebo, checkup in tutta Italia, sia in camper attrezzati che in ambulatori. Per trovare il punto più vicino dove si svolgono le visite basta collegarsi al sito www.iapb.it/settimanaglaucoma.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»