Regionali. De Luca: “La legge Severino? Va impacchettata, infiocchettata e messa in frigo”

[caption id="attachment_2303" align="alignright" width="300"] V. De Luca
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
V. De Luca e G. Delrio
V. De Luca e G. Delrio

NAPOLI – “La legge Severino sta bene come sta. Se la possono impacchettare con la nocca e la carta argentata e mettere in frigo. A me della legge Severino non interessa assolutamente niente”. Lo dice il sindaco di Salerno e candidato alla regione Campania per il Pd Vincenzo De Luca, parlando con la Dire.

A Napoli per la festa della ricostruzione di Citta della Scienza, De Luca parla del programma elettorale: “Uno dei primi obiettivi che perseguiamo è quello di definire nei primi tre mesi un accordo di programma tra governo nazionale, comune di Napoli e regione per la definizione dei programmi di sviluppo di Bagnoli, dunque la città della scienza è pienamente dentro questo obiettivo programmatico che ci siamo dati. La mia presenza qui è la testimonianza che cominciamo a mantenere la parola rispetto agli obiettivi che ci siamo dati“.

DELRIO: DE LUCA? DOBBIAMO FAR RISPETTARE SEVERINO – “Facciamo i complimenti a Vincenzo, è stato ottimo sindaco ed è mio amico. Noi abbiamo il compito di far rispettare la legge, se poi si decide di cambiarla lo deciderà il Parlamento”. Così il sottosegretario Graziano Delrio, a Napoli alla Citta’ della Scienza, parla del caso De Luca, sottolineando che “la legge è legge”.

di Carmen Credendino

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»