hamburger menu

Tg Psicologia, edizione del 4 febbraio 2022

Nell'edizione di questa settimana si parla di Pnrr e fondi per la salute mentale, di autismo e bambini, della necessità di un consultorio psicologico e della raccolta di poesie di Anna Segre

tg psicologia screenshot

PNRR, PSICHIATRI: INVESTIRE IN PERSONE, FAVORIRE CHI LAVORA IN ZONE DISAGIATE


“Abbiamo bisogno di persone e investimenti, più che di tecnologia. I professionisti sono pochi e provati, scappano dal Pubblico perché sono sottoposti a turni massacranti. Inoltre, al di fuori delle Città metropolitane vengono a mancare i Servizi di diagnosi e cura proprio a causa della mancanza di psichiatri. In Lombardia ne sono stati chiusi quattro e in Piemonte due”. Secondo Enrico Zanalda, copresidente della Società Italiana di Psichiatria, bisognerebbe partire da qui per capire dove investire i fondi del Pnrr destinati alla Salute mentale. “Non si trovano psichiatri che vogliano lavorare distanti dalle Città metropolitane ed è una problematica comune anche ad altri professionisti: gli urgentisti, gli anestesisti o i pediatri. Lo svuotamento delle aree interne è un grosso problema- rimarca lo specialista- o si decide di centralizzare tutto nelle città o dobbiamo favorire, dal punto di vista economico, chi accetta di lavorare in zone cosiddette ‘disagiate'”, conclude.


DA LEONE A LUMACA, COME SONO VISTI BIMBI CON AUTISMO DA COMPAGNI


“Quel bambino ‘diverso’ e sempre arrabbiato può diventare un leone nel disegno che ne fa il suo compagno. Quello che, invece, non ha tanta voglia di fare può essere descritto come una lumaca. Sono molti e bellissimi i modi in cui i bambini possono rappresentare simbolicamente il loro vissuto per cercare di trovare un senso e un significato a quello che succede in classe”. A dirlo è Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie IdO, raccontando i primi dati della ricerca ‘Inclusione scolastica nei disturbi dello spettro autistico. Progetto Vizziello-IdO’, nato dalla riattualizzazione del progetto lanciato negli Anni 80 dalla neuropsichiatra infantile Graziella Fava Vizziello. L’iniziativa punta a mettere in luce come sono visti i bambini con disturbi dello spettro autistico dai propri compagni di classe.


CNOP: 1 MINORE SU 7 CON DISTURBI, SERVE ‘CONSULTORIO PSICOLOGICO’


“La ‘psicopandemia’ va letta e capita per dare le giuste risposte. In base ai dati conosciuti, nell’infanzia e adolescenza si stima che 1 soggetto su 7 presenta un disturbo neuropsichiatrico, mentre 1 su 3 ha un problema dell’adattamento, comportamentale e relazionale”. Lo afferma il presidente del Cnop, David Lazzari, che aggiunge: “Sino ad oggi il servizio sanitario ha risposto a queste problematicità psicologiche solo con i farmaci e con i servizi di secondo livello. Non esistono servizi psicologici di prossimità, così come prevedono i Livelli Essenziali di Assistenza e la riforma della sanità territoriale contenuta nel Pnrr. La richiesta del bonus per l’assistenza psicologica, sostenuto da centinaia di migliaia di cittadini- prosegue Lazzari- ha evidenziato la richiesta pressante di ascolto e sostegno che arriva dalla popolazione, a cui va data una risposta non solo potenziando i servizi specialistici di psichiatria e neuropsichiatria, ma attivando un servizio di consultorio psicologico al quale i cittadini possano rivolgersi direttamente e senza barriere”.13:16

ANNA SEGRE METTE IN VERSI LE TRASFORMAZIONI DELL’AMORE


‘La distruzione dell’amore’ è il titolo dell’ultimo libro di Anna Segre, medico, psicoterapeuta e scrittrice omosessuale. Il volume, edito da Interno Poesia, è una raccolta di poesie in cui l’autrice racconta l’amore “come sentimento necessario alla vita e al contempo quasi impossibile da mantenere”. Dall’amore saffico, quello che caratterizza la vita di Segre, all’amore senza etichette, per raccontare in versi quelle relazioni che prima vengono idealizzate e poi disilluse. “Anche quando si fa fatica a mantenere un progetto comune, anche quando si scoprono le ombre e i difetti dell’altra e la storia finisce, in realtà l’amore non si distrugge- dice Segre- si trasforma, si rinnova, si evolve, diventa altro. Quello che si distrugge è l’idea iniziale che si aveva di quell’amore”. Le poesie di Segre fotografano questi momenti in cui si sente di aver perso la magia iniziale, di aver perso l’illusione “di riuscire finalmente nella costruzione della città ideale”.

ORDINE EMILIA-ROMAGNA: SERVE PSICOLOGO DI BASE, REGIONE INVESTA


Psicologi di base nelle case di comunità e uno stanziamento di risorse aggiuntive e strutturali per ogni distretto sanitario dell’Emilia-Romagna. L’Ordine degli psicologi dell’Emilia-Romagna va in pressing sulla Regione dopo l’incontro in cui sono state avanzate all’assessorato alla Salute alcune richieste, a cominciare dall’istituzione dello psicologo di base. “Il nostro sistema pubblico regionale, pur con il massimo impegno dei professionisti coinvolti, non è in grado attualmente di dare piena e tempestiva risposta alle esigenze dei cittadini. Occorre un percorso condiviso e strutturale che veda la piena collaborazione tra Ordine degli psicologi e Regione per implementare l’investimento in psicologia”, conclude Gabriele Raimondi, presidente dell’Ordine degli Psicologi regionale.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-02-04T13:36:29+02:00