Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Pediatria, edizione del 4 febbraio 2021

È online l'edizione settimanale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

– SUICIDI E AUTOLESIONISMO MINORI, CAMPANELLO ALLARME CAMBIAMENTI IMPROVVISI

Esiste un filo rosso per intercettare nei bambini e negli adolescenti il rischio di autolesionismo, comportamenti eccessivi o addirittura di commettere gesti estremi: “È l’avverbio ‘improvvisamente’. Quando ci accorgiamo che i nostri figli improvvisamente cominciano ad avere un calo del rendimento scolastico, non vogliono più frequentare la scuola, si isolano all’improvviso, diventano aggressivi o cambiano carattere”. A dirlo è Pietro Ferrara, professore associato di Pediatria generale e specialistica presso l’università Campus Bio-Medico di Roma e referente nazionale della Sip per abusi e maltrattamenti.

– DISTURBI, LA NEUROPSICHIATRA: SEGNALI RISCHIO GIÀ IN PRIMA INFANZIA

“Nella prima infanzia è possibile individuare i precursori delle funzioni superiori, siano esse cognitive, comunicative, sociali e, per dirlo in un’unica parola, adattive”. Lo spiega Elena Vanadia, neuropsichiatra infantile e responsabile medico del servizio di Diagnosi e Valutazione dell’IdO, che sarà tra i relatori del corso teorico-pratico gratuito per i pediatri sulla ‘Individuazione dei disturbi del neurosviluppo 0-3 anni’, in programma dal 3 al 27 febbraio. L’iniziativa formativa, che prevede 18 crediti ECM, è promossa dalla Sip in collaborazione con l’IdO, la Fondazione MITE, il Sispe e la Sin Lazio. La neuropsichiatra presenterà la scheda di screening e monitoraggio neuroevolutivo sviluppata dall’IdO.

– VACCINO COVID-19, DA SIP DECALOGO PER RISPONDERE AI DUBBI

“Il vaccino Covid-19 è sicuro ed efficace, ce lo ricordano gli studi nazionali e internazionali, gli organismi regolatori, dall’Aifa al ministero della Salute. Tuttavia tra gli operatori socio-sanitari ci sono dei dubbi, delle perplessità, delle domande a cui è importante dare una risposta”. A dirlo è Elena Bozzola, segretario nazionale Sip, che insieme a Rocco Russo, responsabile Sip del Tavolo Tecnico Vaccinazioni, ha realizzato un decalogo per rispondere a tutti i dubbi.

– COVID. SIPPS: 15% FAMIGLIE PIÙ FRAGILE, SERVE TAVOLO PROFESSIONI

“Ogni pediatra può trovare tra i suoi assistiti dal 10 al 15% di famiglie fragili che, tendenzialmente, diventeranno ancora più fragili. Noi pediatri non vinciamo da soli, in questa battaglia alla povertà dobbiamo creare una rete che ci colleghi a nuove figure professionali, come l’infermiere pediatrico domiciliare, ai servizi sociali comunali spesso di difficile individuazione, alle realtà del terzo settore e al volontariato”. A parlare è Giuseppe Di Mauro, presidente SIPPS, che lancia un appello alle istituzioni: “Si apra un tavolo di lavoro, anche in vista del Piano Infanzia che potrebbe nascere con una parte delle risorse previste nel Recovery Fund”. Di Mauro chiarisce quali istituzioni e figure professionali potrebbero essere coinvolte.

– COVID, PRIMARIO SANTOBONO: NESSUN ALLARME PER SINDROME POST VIRUS IN BIMBI

“Nella seconda ondata, che in Campania ha portato un aumento dei casi di Covid, il numero di bambini positivi è cresciuto, ma pochi di loro hanno avuto bisogno di ricorrere a terapie intensive. La maggior parte è stata curata e seguita veramente bene a domicilio dai pediatri di famiglia”. Lo spiega Luigi Martemucci, direttore della Uoc Pediatria 2 dell’Aorn Santobono-Pausilipon di Napoli. “Quello che abbiamo riscontrato- prosegue – sono alcuni casi di patologie legate ad una sindrome infiammatoria multisistemica che si manifesta a distanza di uno o due mesi dall’infezione da Covid. Si tratta comunque – avverte il primario – di un evento abbastanza raro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»