Mediterranea esulta: “Tribunale ordina il dissequestro della nave Mare Jonio”

"La nostra nave è libera, e adesso vogliamo tornare in mare al più presto. Ma per farlo, abbiamo bisogno di tutto il sostegno dei nostri equipaggi di terra"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il Tribunale Civile di Palermo ha integralmente accolto il ricorso presentato dalla compagnia armatrice di Mediterranea Saving Humans, per la reimmissione in possesso della nave Mare Jonio, ordinando a tutte le Autorità coinvolte di far cessare con effetto immediato il sequestro cui era sottoposta dallo scorso 3 settembre 2019″. ha dichiarato Alessandra Sciurba, presidente dell’associazione Mediterranea Saving Humans.

LEGGI ANCHE: LEGGI | Open Arms, il Tribunale dei Ministri: “Condotta illegittima di Salvini”

“La decisione del Giudice civile di Palermo- continua- ripristina finalmente la legalità. La Mare Jonio è di nuovo libera, dopo un sequestro illegittimo durato cinque mesi. E, dopo l’archiviazione delle accuse contro il comandante Marrone e il capomissione Casarini, questo è un altro fondamentale passo verso la cancellazione dal basso dei Decreti Salvini“.

“Viene sancito- prosegue Sciurba- ancora una volta quello che abbiamo sempre affermato: il diritto e i diritti delle persone sono sempre state la nostra bussola, mentre i governi europei, quello italiano in testa, li hanno traditi e oltraggiati nel Mediterraneo per propaganda e calcoli politici, giocati sulla pelle di migliaia di donne, uomini e bambini.”

LEGGI ANCHE: Mediterranea denuncia: “Nave da guerra turca cattura i migranti e li consegna alla Libia”

“Il governo attuale- conclude la presidente di Mediterranea- non ha avuto il coraggio di fare politicamente quello che un tribunale oggi ha ritenuto essere l’unica cosa giusta. La nostra nave è libera, e adesso vogliamo tornare in mare al più presto, a salvare i profughi di una guerra terribile dall’annegamento e dalle catture delle milizie libiche, a salvarci, insieme alle altre navi della società civile, da scelte criminali e velenose come quelle del rinnovo del memorandum con la Libia. Ma per farlo, abbiamo bisogno di tutto il sostegno dei nostri equipaggi di terra”.

Mediterranea lancia infatti a partire da oggi una campagna straordinaria di raccolta fondi per finanziare l’imminente missione in mare dopo la sosta forzata di cinque mesi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»