Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Trasporti a Roma, entro l’anno i cantieri archeologici per la tratta T2 della metro C

ROMA - I cantieri archeologici per la tratta T2 della linea C, ovvero quella tra Colosseo e Clodio che passeranno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I cantieri archeologici per la tratta T2 della linea C, ovvero quella tra Colosseo e Clodio che passeranno nell’Ansa Barocca, potrebbero aprirsi entro l’anno, “almeno quelli importanti”. È quanto riferito all’agenzia Dire dal responsabile del procedimento della linea C per Roma Metropolitane, Andrea Sciotti, al termine della commissione capitolina Mobilità che oggi si è occupata della situazione dell’esercizio delle linee metro A, B e C di Roma.

“Prima, naturalmente- ha spiegato- dobbiamo aprire un tavolo con la Soprintendenza speciale di Francesco Prosperetti. Contiamo, comunque, di poter aprire i primi cantieri entro l’anno”.

La project record, ovvero la revisione progettuale della tratta T2, che prevede appunto nuovi cantieri archeologici e indagini sul sottosuolo, ha ricordato l’assessore capitolino alla Mobilità, Linda Meleo, “è stata formalizzata con una delibera di fine anno e sarà finanziata in parte con i fondi di Roma Capitale e poi con una parte dei 145 milioni di euro stanziati dal Governo con l’ultima legge di bilancio. Intanto sta per essere chiusa la variante di Amba Aradam, per la futura stazione museo della tratta T3”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»