Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

De Magistris: “Si a fine pedaggio su Tangenziale Napoli, cabina di regia per Bagnoli incostituzionale”

NAPOLI - Fine del pedaggio in tangenziale a Napoli. E' questo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

de magistrisNAPOLI – Fine del pedaggio in tangenziale a Napoli. E’ questo l’obiettivo “massimo” del Comune di Napoli. A dirlo è il sindaco Luigi de Magistris, intervenuto oggi alla trasmissione Barba&Capelli a Radio Crc.

Stiamo cercando – dice il primo cittadino – di fare una battaglia storica, dopo la vittoria su Equitalia. Abbiamo acquisito tutto il carteggio presso il ministero per capire dove sono andati a finire tutti i soldi dei napoletani che dovevano rimanere alla citta” e alla manutenzione”. Per raggiungere questo traguardo, sottolinea de Magistris, “stiamo lavorando con gli avvocati del Comune”.

Il sindaco partenopeo è poi tornato sull’invito a venire a Bagnoli, rivolto nei giorni scorsi al presidente del consiglio: “Con Renzi mi incontrerei ovunque- afferma de Magistris-, persino sul suo Airforce One che si è costruito con non so quanti milioni dello Stato, ma non in un luogo incostituzionale come la Cabina di regia per Bagnoli. Voler decidere senza chi è stato eletto per amministrare questa città e senza i cittadini che la abitano. Io sono un Sindaco che crede veramente nella questione morale, e se qualcosa non mi sta bene devo assolutamente dirlo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»