Veneto, situazione maltempo sotto controllo ma è ancora allerta valanghe

Le aree più critiche sono ancora il Comelico, l'Altopiano di Asiago, Cibiana di Cadore e Lamon, dove il rischio di valanghe rimane a livello 4 su 5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Dopo le copiose nevicate, sulla montagna veneta “la situazione è sotto controllo” anche se “ci sono ancora varie criticità“. Lo spiega stamane l’assessore regionale alla Protezione civile Gianpaolo Bottacin, che dopo una nuova videoconferenza con il Dipartimento della Protezione Civile nazionale e col ministro per i rapporti con Parlamento, Federico d’Inca, spiega che il ministro “ha assicurato la disponibilità del Governo a dichiarare lo Stato di Emergenza nazionale, con i ristori per gli enti che stanno operando sul campo”.

LEGGI ANCHE: Il Veneto sperimenta a Pian Rosada i rimboschimenti innovativi a prova di cervo

Le aree più critiche sono ancora il Comelico, l’Altopiano di Asiago, Cibiana di Cadore e Lamon, nelle zone colpite, aggiunge Bottacin, c’è stato un “grande dispiegamento di uomini e mezzi della Protezione civile e dei Vigili del Fuoco con il supporto dell’Esercito”. I problemi di viabilità “si stanno avviando a soluzione anche se rileviamo ancora criticità legata al rischio valanghe che, su tutta la montagna veneta, rimane a livello 4 su un massimo di 5″.

In campo “ininterrottamente” ci sono anche i mezzi sgombraneve di Veneto Strade, Anas e dei Comuni, “più rilevanti sono ancora i problemi di carico della neve sui tetti”. Le richieste di aiuto sono raccolte dai Vigili del Fuoco e gli interventi si susseguono tenendo conto di una priorità determinata dal rischio per la staticità degli edifici, aggiunge l’assessore. “Tutte le squadre dotate di specifica abilitazione per intervenire in tali situazioni sono all’opera”.

LEGGI ANCHE: Scuola, Azzolina conferma riapertura il 7 gennaio: Veneto e Friuli si ribellano

Intanto dal Trentino è arrivata anche una colonna mobile dei Vigili del Fuoco Volontari di Trento e si sta occupando dei problemi di Cibiana e Lamon. Le previsioni per le prossime ore sono buone, conclude Bottacin, “con un successivo peggioramento che però non dovrebbe portare nevicate importanti. Ciò nonostante, rimane attivo il Centro Operativo Misto di Santo Stefano di Cadore”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»