Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, il virologo di Oxford: “La variante sudafricana preoccupa”

vaccino covid
La 'variante sudafricana' presenta una "mutazione sostanziale" che potrebbe diminuire l'efficacia del vaccino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il governo di Londra ha inaugurato la campagna vaccinale contro il Covid-19, tuttavia se il vaccino prodotto da Oxford-AstraZeneca dovesse essere efficace contro la nuova variante del Covid-19 rilevata nel Kent, potrebbe esserlo molto meno per quella sudafricana, la 501.V2. Lo ha detto sir John Bell, professore di medicina dell’universita’ britannica di Oxford e membro della task force del governo sui vaccini, spiegando che tale variante “e’ piu’ preoccupante” perche’ “presenta delle mutazioni sostanziali nella struttura della proteina” che il vaccino della Sars-Cov-2 identifica per produrre gli anticorpi.

Lo scienziato ha detto che se tale proteina fosse diversa il sistema immunitario – “addestrato” dal vaccino – non riuscirebbe a riconoscerla e pertanto non produrrebbe anticorpi. Secondo gli studi condotti dai ricercatori della Oxford University, la variante sudafricana, al pari di quella britannica, presenta poi un tasso di contagiosita’ molto elevato.

Sir Bell ha tuttavia precisato che sembra “improbabile” che il vaccino prodotto da Oxford possa essere “completamente inefficace” contro la variante sudafricana, e che “adattare i vaccini attuali” rispetto alla nuova mutazione richiedera’ agli scienziati tra le quattro e le sei settimane. Quindi ha invitato tutti a non cedere all’allarmismo: “Restiamo calmi, andra’ tutto bene”.

Un appello che non ha pero’ raggiunto il ministro della Sanita’ di Londra, Matt Hancock. Oggi ai microfoni dell’emittente Bbc il ministro si e’ detto “estremamente preoccupato” dalla variante sudafricana, che ha fatto gia’ registrare contagi in due localita’ del Regno Unito, probabilmente riguardanti persone che avevano compiuto viaggi in quel Paese. Per questo, ha continuato Hancock, “abbiamo chiuso tutti i voli con il Sudafrica”.

“Ci troviamo di fronte a un problema serio, anche piu’ preoccupante della variante rilevata nel Regno Unito” ha aggiunto il ministro, definendo tuttavia “storico” il lancio odierno della vaccinazione, che prevede in questa prima fase 540.000 somministrazioni. A fine dicembre l’Agenzia per la regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (Mhra) ha approvato il vaccino prodotto da Oxford in collaborazione con l’azienda farmaceutica AstraZeneca, e l’Nhs ha fatto sapere che ne ordinera’ 100 milioni di dosi per garantire la completa immunizzazione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»