Napul’è Pino Daniele, sei anni senza l'”uomo in blues”

Pino Daniele
Il grande artista napoletano sarà ricordato anche nella nuova edizione del Concerto dell’Epifania che andrà in onda su Raiuno il 5 gennaio alle 23:15
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Non c’è vicolo, né piazza, né angolo di Napoli che non sia stato evocato nella sconfinata discografia di Pino Daniele, l’artista che meglio ha saputo raccontare e incarnare lo spirito e la ricchezza di un popolo dalle mille sfaccettature. E quella ‘Napul’è mille culure’, da sei anni, di colori, ne ha uno in meno. Era la notte tra il 4 e il 5 gennaio 2015 quando una notizia inaspettata sconvolse le vite dei napoletani e di tutti gli amanti della buona musica. La scomparsa dell’’uomo in blues” che era, e resta, il simbolo di una generazione di artisti che hanno reso grande Napoli, fu accolta con un moto spontaneo capace di riversare in poche ore migliaia di persone in strada, tutti riuniti in una piazza Plebiscito gremita per dire al loro idolo “Ciao guagliò”. 

Pino Daniele è stato un “Masaniello” moderno, un rivoluzionario a suo modo, unito al protagonista della rivolta napoletana del 1647 dall’amore per la sua gente, e il brano “Je so pazzo”, dedicato all’ultimo discorso pubblico di quel carismatico quanto controverso personaggio, né è la prova. Il primo album “Terra mia” del 1977 include anche “Na tazzulella e cafè’” un vero e proprio manifesto sociale con cui l’artista denunciava i “malaffari” delle istituzioni e spronava a non accontentarsi di piccole ricompense dietro le quali si è sempre celato l’interesse di mantenere il popolo in un’ignoranza tale da renderlo maggiormente controllabile. 

Ma prima di iniziare la sua carriera da solista e scrivere testi indimenticabili come “Quanno chiove”, “A me me piace ‘o blues” e “Nun me scoccià”, Pino Daniele è stato in tutto e per tutto un “Musicante’“(come amava definirsi) suonando il basso nella band “Napoli Centrale”, il cui leader era il noto sassofonista napoletano James Senese. In un gioco fatto di continua ricerca e sperimentazione, che ha dato vita a sonorità che lo hanno reso riconoscibile e fatto apprezzare al grande pubblico, le sue melodie hanno impreziosito anche alcuni dei film di un altro grande pezzo della storia di Napoli: Massimo Troisi.

E lui, che è stato e resterà per sempre un “Lazzaro felice”, il “Mascalzone latino” e “Nero a metà”, come i titoli di alcuni suoi lavori suggeriscono, sarà ricordato anche nella nuova edizione del Concerto dell’Epifania che andrà in onda su Raiuno il 5 gennaio alle 23:15, testimoniando ancora una volta quell”Amore senza fine” che lega e legherà per sempre Pino Daniele a Napoli e ai napoletani.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»