Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Al via la vaccinazione in India per 300 milioni di persone

Vaccino India
Il governo di Delhi ha approvato due preparati: il Covidshield, frutto della collaborazione tra la multinazionale britannico-svedese AstraZeneca, l'Università di Oxford e la società italiana Irbm, e il Covaxin, dell'indiana Bharat Biotech
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sedute in fila, ciascuna al suo posto, dove indicato dal gesso bianco sull’asfalto: alle porte di Calcutta, come in decine di altre città dell’India, le vaccinazioni contro il Covid-19 sono cominciate anche con l’uso di un farmaco messo a punto nei laboratori nazionali.

LEGGI ANCHE: Covid, dall’UE un miliardo di dosi di vaccino per paesi meno attrezzati

La fotografia, con operatrici sanitarie in attesa del proprio turno per l’iniezione, è una delle tante scelte oggi per l’edizione online del quotidiano ‘Times of India’. Gli scatti, in strada o nelle stanze di ospedale, a Mumbai e a Chandigarh, a Bhopal e a Jaipur, documentano l’avvio di una campagna senza precedenti e con pochi paralleli a livello mondiale: l’obiettivo è vaccinare 300 milioni di persone entro agosto. Nei giorni scorsi il governo di Delhi ha approvato due preparati: il Covidshield, frutto della collaborazione tra la multinazionale britannico-svedese AstraZeneca, l’Università di Oxford e la società italiana Irbm, e il Covaxin, dell’indiana Bharat Biotech.

Il primo ministro Narendra Modi ha parlato di “una svolta“. Dubbi sono stati espressi invece dalla rete di monitoraggio All India Drug Action Network. Secondo i suoi rappresentanti, ci sono “forti preoccupazioni per la mancanza di dati sull’efficacia” dei vaccini e per l’assenza “di trasparenza” nelle decisioni assunte. 

LEGGI ANCHE: Covid, l’allarme delle ong: “Nei Paesi poveri 9 persone su 10 rischiano di restare senza vaccino”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»