Al via la vaccinazione in India per 300 milioni di persone

Vaccino India
Il governo di Delhi ha approvato due preparati: il Covidshield, frutto della collaborazione tra la multinazionale britannico-svedese AstraZeneca, l'Università di Oxford e la società italiana Irbm, e il Covaxin, dell'indiana Bharat Biotech
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sedute in fila, ciascuna al suo posto, dove indicato dal gesso bianco sull’asfalto: alle porte di Calcutta, come in decine di altre città dell’India, le vaccinazioni contro il Covid-19 sono cominciate anche con l’uso di un farmaco messo a punto nei laboratori nazionali.

LEGGI ANCHE: Covid, dall’UE un miliardo di dosi di vaccino per paesi meno attrezzati

La fotografia, con operatrici sanitarie in attesa del proprio turno per l’iniezione, è una delle tante scelte oggi per l’edizione online del quotidiano ‘Times of India’. Gli scatti, in strada o nelle stanze di ospedale, a Mumbai e a Chandigarh, a Bhopal e a Jaipur, documentano l’avvio di una campagna senza precedenti e con pochi paralleli a livello mondiale: l’obiettivo è vaccinare 300 milioni di persone entro agosto. Nei giorni scorsi il governo di Delhi ha approvato due preparati: il Covidshield, frutto della collaborazione tra la multinazionale britannico-svedese AstraZeneca, l’Università di Oxford e la società italiana Irbm, e il Covaxin, dell’indiana Bharat Biotech.

Il primo ministro Narendra Modi ha parlato di “una svolta“. Dubbi sono stati espressi invece dalla rete di monitoraggio All India Drug Action Network. Secondo i suoi rappresentanti, ci sono “forti preoccupazioni per la mancanza di dati sull’efficacia” dei vaccini e per l’assenza “di trasparenza” nelle decisioni assunte. 

LEGGI ANCHE: Covid, l’allarme delle ong: “Nei Paesi poveri 9 persone su 10 rischiano di restare senza vaccino”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»