VIDEO | Saviano a Salvini: “Smetti di fare il pagliaccio, apri i porti”

ROMA - "Mi rivolgo al ministro Salvini. Smetti di fare il pagliaccio sulla pelle delle persone. Apri i porti. Basta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Mi rivolgo al ministro Salvini. Smetti di fare il pagliaccio sulla pelle delle persone. Apri i porti. Basta con questa becera propaganda, basta fare campagna elettorale sulla pelle degli ultimi! #seawatch #seaeye”. Lo scrive su twitter Roberto Saviano.

LEGGI ANCHE: Sicurezza, Salvini a Orlando: “Anche per i sindaci è finita la pacchia”

In un video Saviano aggiunge: “Il sindaco di Napoli, di Palermo e altri sindaci, in queste ore, hanno proclamato i loro porti aperti per accogliere queste persone”. Poi, “arriva il ministro dell’Interno italiano a dire che quei porti sono chiusi, ma quei porti non sono chiusi. Ancora una volta sta mentendo. E il dato lo fornisce il ministero dell’Interno stesso. Dal 22 dicembre sono sbarcati 165 migranti e in tutto il mese ci sono stati 359 sbarchi. Tutti in silenzio”.

“Comportati da uomo, basta propaganda”

Saviano si rivolge poi direttamente al ministro: “Smettila di fare il pagliaccio sulla pelle delle persone. Ricordati che sei un ministro della repubblica. Smettila. Queste 49 persone vanno accolte”. “L’Italia ha già dato molto e l’Europa si sta comportando male… E’ vero. L’Europa ha un comportamento drammatico, ignobile, ma questo non autorizza a fare propaganda su 49 innocenti. Basta misurare propaganda dell’uomo duro che non fa entrare immigrati, quando sai benissimo che non è cosi. Al ministro Salvini dico: basta pagliacciate, basta propaganda per le Europee. Comportati da uomo, fai sbarcare queste persone o delega, come in altri sbarchi, dove è stato tutto taciuto, fai entrare queste persone. Basta, sii serio e istituzionale”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Orlando: “Toninelli apri i porti, smettila di fare il pupo nelle mani di Salvini”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»