Papa Francesco: “Pregare per tutti i detenuti del mondo”

Il pontefice durante l'udienza: "Gli istituti penitenziari aiutino il reinserimento"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un appello perché “gli istituti penitenziari siano luoghi di rieducazione e di reinserimento sociale, e le condizioni di vita dei detenuti siano degne di persone umane”. A rivolgerlo è stato il Papa, prima dei saluti ai fedeli di lingua italiana che come di consueto concludono l’udienza del mercoledì. “Ieri sono giunte dal Brasile le notizie drammatiche del massacro avvenuto nel carcere di Manaus, dove un violentissimo scontro tra bande rivali ha causato decine di morti”, ha esordito il Papa: “Esprimo dolore e preoccupazione per quanto è accaduto”. Poi l’invito “a pregare per i defunti, per i loro familiari, per tutti i detenuti di quel carcere e quanti vi lavorano”. Infine, l’aggiunta a braccio: “Vi invito a pregare per questi detenuti morti e vivi e anche per tutti i detenuti del mondo, perché le carceri siano per reinserire e non siano sovraffollati, siano posti di reinserimento”. “Preghiamo la Madonna, madre dei detenuti”, l’invito di Francesco prima di recitare l’Ave Maria insieme con i 6mila fedeli che hanno affollato oggi l’Aula Paolo VI.

(www.agensir.it)

LEGGI ANCHE:

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»