Covid, gli ‘esodati’ della sanità: “A casa senza stipendio perché non possiamo vaccinarci”

La legge prevede che in determinate condizioni la vaccinazione può essere omessa o differita e il personale adibito a mansioni diverse. Ma diversi operatori sanitari sono stati sospesi e non ricollocati