Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gli attori attraversano Modena recitando le ‘Favole al citofono’ di Gianni Rodari

Fino al 10 dicembre, tre artisti del Teatro dei Venti si muoveranno nella 'Zona Turchina' raccontando ciascuno una storia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MODENA – Il teatro è chiuso al pubblico? Può trovare comunque il modo di “creare relazioni, senza cercare scorciatoie, senza per forza rifugiarsi in uno schermo”. Lo si segnala a Modena, dove arriva la ‘Zona Turchina‘ con le ‘Favole al citofono’ di Gianni Rodari, a domicilio.

Da oggi al 10 dicembre, è il Teatro dei Venti a occuparsene in città. Tre attori attraversano il quartiere, a nord-est del centro storico a metà strada tra la stazione e la Questura, per raccontare ciascuno una storia: “Il paese senza punta” con Francesca Figini, “La strada che non va in nessun posto” con Davide Filippi, “Un giovane gambero” con Oxana Casolari. L’area interessata, in particolare, è quella nel quadrilatero compreso tra via Puccini, via Bonacini, via Monte Grappa e viale Verdi. Il tutto è a cura dello stesso teatro, con il patrocinio del Comune.

LEGGI ANCHE: C’era una volta… e a Modena c’è di nuovo la collina delle fiabe

I protagonisti la chiamano “una performance di prossimità” nell’ambito del progetto ‘Teatro Aperto’, che prevede azioni quotidiane di pochi minuti nel parco adiacente alla sede del Teatro dei Venti, dal lunedì al venerdì, senza creare assembramenti. “Crediamo che in questo periodo- spiega il direttore artistico Stefano Tè- sia fondamentale mantenere un rapporto con il territorio, con il quartiere che ci ospita. Per questo abbiamo immaginato le ‘Favole al citofono’. Gli attori si spostano a piedi dal Teatro e attraversano i luoghi della vita quotidiana, anche questo fa parte della performance”.

LEGGI ANCHE: Bimbi filosofi? A Modena ‘Piccole ragioni’ per ascoltare le loro visioni del mondo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»