Tg Pediatria, edizione del 3 dicembre 2020

È online l'edizione settimanale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

– COVID, MINISTRI AZZOLINA, BONETTI E SPERANZA RINGRAZIANO I PEDIATRI

Al congresso straordinario della Sip si è fatta sentire la presenza delle istituzioni. La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, la ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, e il ministro della Salute, Roberto Speranza, hanno inaugurato i lavori ringraziando i pediatri per tutto quello che stanno facendo, anche in pandemia, a salvaguardia della salute dei minori. Ecco le loro voci.

– COVID, SIP: 70% MINORI ASINTOMATICI, SOLO 8 DECESSI DA INIZIO PANDEMIA

Di per sé il virus ha colpito poco l’età pediatrica e in maniera meno grave rispetto agli adulti. “Dall’inizio dell’epidemia sono stati 43.841, pari al 3,6% del totale, i casi diagnosticati nella fascia di età 0-9 anni, e 105.378 quelli diagnosticati nella fascia 10-19, l’8,6%. Sette su 10 gli asintomatici, mentre la restante parte è paucisintomatica o lievemente sintomatica”. Per quanto riguarda i decessi dall’inizio dell’epidemia, “ne sono stati registrati 8 nella fascia 0-19 anni”. Questo il focus del virus sull’età pediatrica fornito da Alberto Villani, presidente della Sip.

– IL NEONATOLOGO: SCUOLA IN PRESENZA E INVESTIMENTI SU NATALITÀ

“I pediatri devono ribadire l’assoluta necessità di garantire la scuola in presenza. Gli ultimi dati sull’andamento scolastico dimostrano che se un bambino risulta positivo all’interno di una classe, la diffusione del contagio non avviene in più del 90% dei casi. La scuola più che guidare l’andamento epidemico ne segue l’evoluzione, anche perché la maggior parte dei bambini positivi sono stati contagiati a livello famigliare”. Sono le parole di Rino Agostiniani, vicepresidente della Sip e direttore dell’Area di Pediatria e Neonatologia dell’Azienda Usl Toscana Centro, che lancia anche un allarme sulla denatalità nel nostro Paese.

– DUE LE EPIDEMIE: COVID E OBESITÀ CORRELATA A LOCKDOWN

“L’epidemia da Sars-Cov-2 e l’epidemia di obesità sono strettamente connesse: l’isolamento, la noia, la sedentarietà spingono, infatti, a un maggior consumo di cibi calorici favorendo il sovrappeso, che a sua volta è un fattore di rischio per il Covid-19”. A dirlo è Annamaria Staiano, vicepresidente della Sip e docente di Pediatria all’Università degli studi di Napoli Federico II.

– COVID, ROSSI (OPBG): ORA PIÙ CASI GRAVI, RISORSA DA ANTICORPI ALTRI CORONAVIRUS

“Nella seconda ondata pandemica stiamo assistendo, in età pediatrica, a più pazienti cronici infettati e quindi anche a un maggior numero di pazienti con un andamento più severo della malattia”. A parlare è Paolo Rossi, direttore del Dipartimento pediatrico universitario ospedaliero dell’ospedale Bambino Gesù e docente di Pediatria all’Università Roma Tor Vergata, puntando sul ruolo giocato dagli anticorpi presenti nei pazienti non infettati dal Covid-19 ma dagli altri Coronavirus.

:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»