Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Andrea Bocelli a giugno in concerto a Roma: si esibirà alle Terme di Caracalla

andrea bocelli
Prevendite aperte dal 4 dicembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Andrea Bocelli sarà il 21 giugno (ore 21.00) sul palcoscenico delle Terme di Caracalla per un concerto intitolato ‘Andrea Bocelli – Rome 2020’. Sarà la prima volta che il celebre tenore canterà per un’intera serata nel suggestivo spazio archeologico. Nella prossima estate il tenore sarà infatti protagonista, insieme a una grande orchestra, di un’antologia musicale che raccoglierà le arie più celebri del suo vastissimo repertorio, un viaggio appassionante fra i personaggi più amati della musica operistica dedicati alla voce di tenore.

Andrea Bocelli è un artista che ha saputo fare conoscere e amare la musica lirica anche a un largo pubblico che non la frequenta abitualmente, sia per le qualità della sua voce sia per la sua simpatia d’interprete. L’artista toscano è reduce dalla prestigiosa candidatura ai Grammy Awards e dal trionfale successo del suo nuovo album pop ‘Sì’ (Sugar) che, dopo aver venduto un milione di copie in tutto il mondo, è ora presentato nell’edizione speciale ‘Sì Forever: Diamond Edition’ con nuovi duetti e tracce inedite. Il concerto è prodotto da Friends & Partners in collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma. Prevendite aperte su www.ticketone.it dal 4 dicembre.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»