FOTO | VIDEO | Da rifugiata a modella dell’anno, Adut conquista Londra

Venne accolta in Australia quando aveva sette anni e ora che è una modella affermata chiede al mondo della moda di aprirsi alla diversità. Questa è la sua storia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La modella dell’anno è un’ex bambina rifugiata, nata in Sud Sudan e accolta in Australia quando aveva sette anni. Si chiama Adut Akech e dopo aver conquistato cinque copertine di Vogue in un mese solo ha rivolto alla pletea londinese dei British Fashion Awards un appello ad ampliare orizzonti e ad accogliere diversità. “Che una come me vinca questo premio è una rarità, dovremmo ricordarlo tutti” ha detto dopo l’annuncio della vittoria, ieri sera, alla Royal Albert Hall. “La dedica è a tutte le giovani donne e ai giovani uomini che in me si sono sentiti rappresentati e riconosciuti”.

Diciannove anni, bambina a Kakuma, un campo profughi del Kenya, Akech aveva già detto di ritenere che il mondo della moda non è ancora abbastanza aperto alle diversità, culturali, di origine o di status. Quest’anno, oltre ad aver conquistato le copertine di Vogue, la modella è stata scelta dalla rivista americana Time come una delle 100 personalità più influenti al mondo. Il Sud Sudan è stato segnato da conflitti civili prima e dopo l’indipendenza ottenuta dal Sudan nel 2011. Anche l’ultima guerra ha provocato centinaia di migliaia di morti e milioni di profughi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»