Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Commissione di inchiesta sulla morte di Giulio Regeni, Palazzotto presidente

La Commissione parlamentare si è insediata oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Erasmo Palazzotto è stato eletto presidente della Commissione d’inchiesta per la morte di Giulio Regeni. Undici i voti a favore del deputato di Leu. 

La Commissione parlamentare di inchiesta sulla morte di Giulio Regeni, che si è insediata oggi, ha eletto tutto l’Ufficio di presidenza: vice presidenti Debora Serracchiani (Pd) e Paolo Trancassini (Fdi); segretari Massimo Ungaro (Italia viva) e Roberto Turri (Lega). La votazione sul presidente Erasmo Palazzotto, è andata così: 11 voti favorevoli e otto astenuti.

“PRIORITARIA LA RICERCA DELLA VERITA'”

“La Commissione comincia a lavorare da oggi, stiamo già procedendo a fare il lavoro propedeutico per iniziare i lavori il prima possibile e per recuperare il tempo perduto perché la ricerca della verità e di giustizia per l’uccisione di Giulio Regeni devono essere una priorità per questo Paese”, le prime parole di Erasmo Palazzotto dopo l’elezione.

FICO: “COMPITO DURO E IMPORTANTE”

“Si è insediata questa mattina la commissione d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni. La attende un compito duro e importante. Buon lavoro al presidente Palazzotto, all’ufficio di presidenza e a tutti i deputati che ne fanno parte”, scrive su twitter il presidente della camera Roberto Fico.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»